De Luca e il bollettino da zona rossa
De Luca e il bollettino da zona rossa

Sono 2.057 i positivi del giorno in Campania di cui 1.335 asintomatici e 722 sintomatici. Questi dati su positivi, sintomatici e asintomatici si riferiscono ai tamponi molecolari che sono stati 18.513, a fronte di 4.075 tamponi antigenici.

I morti sono stati 57, il che porta il totale deceduti in Campania per Covid dall’inizio della pandemai a 5.475. Dei 57 morti, 26 sono nelle ultime 48 ore, 31 sono precedenti ma registrati ieri. I guariti:ì sono 2.979 per un totale di 244.359

De Luca, obiettivo immunizzare campani entro fine estate

“Oggi vi sono tutte le condizioni per cominciare il cammino per uscire da questo calvario, a condizione che non commettiamo errori, non sbagliamo, manteniamo il massimo di razionalità. Ci sono le condizioni per metterci alle spalle questi mesi e questo anno di drammatica pesantezza per la vita di ognuno di noi”.

“Immunizzare i cittadini campani per fine estate”. E’ l’obiettivo del governatore della Campania, Vincenzo De Luca.
“Dobbiamo essere in grado di fare 70mila vaccini al giorno, ora che abbiamo la disponibilità dei medici – ha spiegato – significa oltre 2mila al mese e significa che per l’estate, al massimo in autunno, completiamo l’immunizzazione, cioè due dosi, a tutti i cittadini campani. Dobbiamo farcela”.
Quanto allo stato dell’epidemia, “c’è, da un punto di vista dei dati essenziali, una tenuta della terapia intensiva, abbiamo la metà di terapie occupate rispetto a chi è in zona arancione. E c’è anche un numero dei decessi, 5400, sei volte in meno della Lombardia, la metà del Veneto ed Emilia e Piemonte”. Il numero dei positivi resta abbastanza stabile, “oscilla tra i 1800 e i 2mila” ma in Campania, a detta del governatore della Campania, Vincenzo De Luca, c’è un “dato anomalo, il numero dei sintomatici, circa 300”. “C’è da dire che molti sono pauci sintomatici – ha aggiunti – stiamo cercando di capire perchè questo numero alto di sintomatici e crediamo sia determinato dalle varianti che sono più aggressive soprattutto verso i più giovani”

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.