Emanuele Carandente e Raffaele Cantone, due giuglianesi al congresso nazionale dei dottori commercialisti

Giugliano. A sinistra Emanuele Carandente

Due giuglianesi al congresso nazionale dei dottori commercialisti tenutosi a Milano il 15 e 16 ottobre. Uno è Emanuele Carandente, consigliere dell’Ordine dei Commercialisti di Napoli, coordinatore del gruppo di lavoro istituto presso il consiglio nazionale dei dottori commercialisti, che ha relazionato davanti ad una platea di professionisti giunti da tutta Italia. L’altro è Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità Anticorruzione, che ha fatto un intervento in videoconferenza. Al centro del dibattito della due giorni c’era “La semplificazione per lo sviluppo delle infrastrutture e degli insediamenti strategici. Un nuovo codice con cessioni ed appalti. Il ruolo Anac e del commercialista”. Due giorni di confronto con un programma fittissimo: due sessioni plenarie e 11 workshop ai quali hanno preso parte parte esponenti delle istituzioni, della politica e delle professioni.
Fisco, beni sequestrati alle mafie, insediamenti produttivi strategici, enti pubblici, imprese, terzo settore, diritto societario, lavoro, evoluzione tecnologica sono stati i temi al centro dei dibattiti dai quali sono emerse dettagliate proposte di semplificazione e di razionalizzazione, messe “nero su bianco” dai commercialisti per essere “donate” alla politica.