Bonus 1000 euro, l’ok col Decreto Agosto: a chi spetta e come averlo

In arrivo il bonus 1000 euro, l'ok col Decreto Agosto
In arrivo il bonus 1000 euro, l'ok col Decreto Agosto

In arrivo il bonus 1000 euro, l’ok col Decreto Agosto. In seguito alle discussioni in merito al nuovo decreto Agosto tra governo e opposizione, sono in fase di definizione tutte le novità e le proroghe relative ai sostegni economici e i bonus previsti in precedenza con i decreti Cura Italia e Decreto Rilancio, pubblicati in Gazzetta Ufficiale rispettivamente nei mesi di marzo e luglio 2020 per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Dopo i bonus 600 euro di marzo e aprile e quello da 1000 euro previsto per maggio (ma con paletti molto rigidi), anche nel decreto Agosto entra una nuova indennità per alcune categorie di lavoratori precari. In più il governo, dopo le richieste arrivate da Forum Disuguaglianze e Diversità e Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, apre una nuova finestra per chiedere il Reddito di emergenza: si potrà fare domanda entro il 15 ottobre.

A chi spetta

Il bonus 1.000 euro riservato ai professionisti iscritti alle casse di previdenza private si può ottenere secondo i requisiti e i criteri definiti dal decreto Agosto.

le rate

Il bonus 1.000 euro è la terza mensilità di maggio prevista dal decreto Rilancio. Sono in attesa i liberi professionisti iscritti agli ordini come avvocati, commercialisti o architetti per esempio. Il bonus 1.000 euro, come per le precedenti mensilità di 600 euro, ai professionisti con cassa è riconosciuto solo a seguito di un decreto attuativo. Attese da oltre due mesi finalmente le disposizioni, come già annunciato, sono arrivate con il decreto Agosto. Per il bonus 1.000 euro riservato ai professionisti con cassa il decreto Agosto in bozza stabilisce quali sono i requisiti e anche come ottenerlo.

Le disposizioni di legge

A definire le modalità di erogazione del bonus 1.000 euro è l’articolo 10 del decreto Agosto – Disposizioni attuative dell’articolo 78 del decreto legge n. 34 del 2020, convertito con legge n. 77 del 2020.Il bonus 1.000 euro per i professionisti con cassa è finanziato dal reddito di ultima istanza disciplinato dall’articolo 44 del decreto Cura Italia, modificato dall’articolo 78 del decreto Rilancio che ha introdotto la terza mensilità come anche la seconda. Al comma 1 del suddetto articolo del decreto Agosto si legge:

“Ai fini della completa attuazione di quanto previsto dall’articolo 78 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, ai soggetti già beneficiari dell’indennità di cui al decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, del 29 maggio 2020 emanato ai sensi dell’articolo 44, comma 2, del decreto-legge 17 marzo 2020 n. 18, convertito con modificazioni dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, la medesima indennità è erogata in via automatica anche per il mese di maggio 2020 e, per tale mese, la stessa è elevata all’importo di 1.000
euro.”

Le novità

Il decreto Agosto dovrebbe essere pronto per diventare legge entro metà agosto. Intanto, iniziano ad emergere alcuni dei punti su cui il governo si sta maggiormente scontrando. Successivamente, con l’entrata in vigore del Decreto Rilancio il bonus dei 600 euro si era trasformato in un bonus dal valore di 1.000 euro relativo esclusivamente alla mensilità di maggio.

Cosa cambierà con il Decreto Agosto 

Con il nuovo Decreto Agosto saranno introdotte nuove indennità e bonus per alcune categorie di lavoratori particolarmente in difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria del Coronavirus.  Inoltre, un nuovo bonus di 1.000 euro sarà riconosciuto non solo ai lavoratori stagionali appartenenti al settore turistico, degli stabilimenti termali e dello spettacolo. Ma anche ad altre categorie di lavoratori che fino ad ora non hanno potuto percepire alcuna indennità economica. Questi nuovi bonus saranno riconosciuti per le mensilità relative ai mesi di giugno e luglio 2020. Saranno preclusi a coloro che sono già titolari di pensioni o indennità NASPI o ancora titolari di rapporto di lavoro di tipo dipendente.

bonus 1000 

Il bonus dei 1.000 euro potrà invece essere usufruito dai lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali. Ma solo quelli che hanno subito una cessazione in maniera involontaria del rapporto di lavoro in un periodo tra il 1 gennaio 2019 fino al 17 marzo 2020. L’indennità dei 1.000 euro sarà usufruibile anche dai lavoratori in somministrazione. Quelli che hanno lavorato presso aziende e imprese nell’ambito del turismo e degli stabilimenti termali.

Quali sono i requisiti per accedere

Tra i principali requisiti vi è la necessità che i richiedenti non dovranno essere assolutamente titolari di pensioni. O anche di rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato. E non dovranno aver percepito nell’anno 2018 un reddito complessivo, non considerando i canoni di locazione, inferiore ai 35.000 euro.  Inoltre per poter usufruire dei bonus il richiedente dovrà anche dimostrare che la sua attività sia stata effettivamente limitata a causa dei provvedimenti restrittivi.

Come richiedere il bonus 

Colui che intende fare domanda per il bonus dovrà effettuare la domanda direttamente dalla propria cassa di appartenenza. Dovrà allegare una serie di documenti obbligatori, tra cui documento d’identità, codice fiscale e IBAN per l’eventuale accredito del bonus.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.