S. Antimo. “Ci dicono che è incurabile ma noi speriamo”, i familiari di Carmine chiedono aiuto

Carmine, residente a Sant’Antimo, ha 35 ed è affetto da Granulomatosi di Wegener, una sindrome rara che colpisce le arterie. A scrivere è Rosaria, la sorella di Carmine: “Da due anni mio fratello lotta contro una malattia che tutti, almeno 5 ospedali tra cui Monaldi, Cardarelli, Cotugno e ospedali di Giugliano e Frattamaggiore, dicono essere incurabile. La diagnosi è di Granulomatosi di Wegener ed è stata fatta solo a maggio scorso, dopo un calvario di ospedali che lo curavano per polmonite, asma e anemia”. 

“Da allora mio fratello è in rianimazione – aggiunge la sorella di Carmine – è attaccato a macchinari con tracheotmia. Non vede i figli, solo una persona al giorno. Non voglio arrendermi, ho dovuto lasciare il lavoro e, da ex avvocato, sono abituata a non arrendermi. Non cerchiamo soldi, cerchiamo solo un medico disposto ad interessarsi al suo caso, un medico disposto a curarlo. Chiunque sia disposto ad aiutarci, può contattarmi al 3281076355”.