Chiusa nota fabbrica di marmi a Sant’Antimo: non aveva autorizzazioni

Settimana di lavoro intensa per la Polizia Locale di Sant’Antimo diretta dal Comandante Colonnello Antonio Piricelli.

Avviate numerose attività di controllo e monitoraggio del territorio finalizzate a reprimere e contrastare vari fenomeni tra cui la problematica che affligge le zone di Napoli Nord la cosiddetta TERRA DEI FUOCHI . Dopo l’arresto in flagranza di reato di un cittadino per estorsione e ricettazione, gli Agenti della Polizia Locale diretti personalmente dal Comandante Piricelli nell’effettuare specifici controlli in Corso Europa hanno constatato che una fabbrica di lavorazione dei marmi operante sul territorio era aperta da svariati anni ed operata in dispregio alle normative vigenti in materia, priva di autorizzazione all’emissione in atmosfera ed autorizzazione allo scarico delle acque reflue. Gli operai sono stati segnalati alla competente ASL sezione lavoro perché lavoravano senza le dovute protezioni individuali.

L’azienda è stata posta sotto sequestro di Polizia Giudiziaria, il proprietario è denunciato all’Autorità Giudiziaria. Intensificati i controlli nell’ambito del settore legato alle attività commerciali Inoltre sono stati elevati numerosi verbali per infrazioni al Codice della Strada. Il monitoraggio del territorio finalizzato a prevenire e reprimere gli abusi continua anche in altri settori .