Festa di 18 anni a San Giorgio a Cremano, 17enne positivo al coronavirus: tamponi a tutti gli amici

Partecipa alla festa di 18 anni a San Giorgio, poi scopre di essere positivo al coronavirus [Foto d'archivio]
Partecipa alla festa di 18 anni a San Giorgio, poi scopre di essere positivo al coronavirus [Foto d'archivio]

Sono circa 33 le persone finite in isolamento a San Giorgio a Cremano dopo che un giovane di 17 anni è risultato positivo al coronavirus. Il ragazzo ha partecipato ad una festa di 18 anni prima di sapere di essere positivo. Di conseguenza, le persone che sono entrate in contatto con quest’ultimo sono finite in isolamento precauzionale. Il 17enne è risultato positivo ad un primo tampone, poi negativo ad un secondo e adesso bisognerà attendere l’esito del terzo tampone per scoprire la verità. A riportare la notizia è Fanpage, a cui il padre del ragazzo ha raccontato delle minacce arrivate al figlio solo per essere entrato in contatto con altre persone.

Coronavirus a San Giorgio a Cremano, il risultato dei tamponi dopo la festa

La buona notizia è però arrivata dal sindaco Giorgio Zinno, il quale ha chiarito che i tamponi degli amici del 17anni sono risultati negativi al coronavirus. «Cari concittadini nella serata di ieri abbiamo avuto il risultato dei primi tamponi effettuati ai giovani collegati al caso del diciassettenne e sono tutti negativi. Nella serata di oggi, massimo domani in mattinata, dovremmo avere gli altri risultati dei tamponi che siamo fiduciosi possano essere tutti negativi. Ieri notte molti giovani mi hanno contattato e per fortuna ho potuto anticipare alcune delle notizie. Ovviamente ricordo a tutti coloro che non sono residenti in San Giorgio a Cremano o San Sebastiano al Vesuvio che dovranno avere il risultato del tampone dall’Asl di competenza per territorio».

Il primo cittadino continua. «Resto in contatto con il padre del giovane diciassettenne che ieri mi ha riportato le minacce che il figlio ha subito. Anche oggi ricordo che l’essere positivo può succedere a chiunque, non può essere una colpa. Inoltre il ragazzo, oltre ad essere un asintomatico, è già risultato negativo a un secondo tampone. Si attende ovviamente il terzo tampone per poter decretare l’uscita dalla quarantena. In tutto oggi abbiamo avuto il risultato di 14 tamponi dei cittadini sangiorgesi e sette del comune di San Sebastiano al Vesuvio. Come detto prima sono ovviamente tutti negativi».