Napoli, scoperti grazie alla tessera i 24 positivi che hanno dato i numeri di telefono falsi

Scoperti i 24 positivi al Covid a Napoli
Scoperti i 24 positivi al Covid a Napoli

Avevano fornito numeri di telefono falsi nonostante fossero positivi al Covid, questo però non è bastato però ad impedire all’Asl Napoli 1 di mettersi in contatto con loro. Dei 57  positivi riscontrati l’altro giorno in città, oltre 24 tamponi hanno richiesto approfondimento: le persone positive, infatti, avevano lasciato un numero di telefono inesistente.

L’Asl ha però fatto sapere di essere riuscita a rintracciare i 24 soggetti positivi al Covid grazie alla tessera sanitaria. A riportare la notizia è Il Mattino. Grazie al tracciamento di questi ultimi, è stato possibile anche risalire agli ultimi spostamento ed alle persone che sono entrate in contatto con i contagiati.

Covid, a Napoli è caccia a 24 nuovi positivi: hanno dato numeri di telefono falsi [La notizia del 22 settembre 2020]

Sono 243 i cittadini campani risultati positivi al test del Coronavirus nell’ultimo bollettino. Una quota importante sui “soli” 3.405 tamponi effettuati nella giornata di domenica. Con i dati forniti dall’unità di crisi della regione Campania, salgono a 10.503 i campani positivi al virus dall’inizio della pandemia. Il bollettino giornaliero, purtroppo, riporta anche una nuova vittima del covid in Campania. Salgono così a 457 i decessi. Guarite 20 persone, un dato che porta il totale a 5.149 le persone che hanno sconfitto il virus.

Ad ogni modo, dei 57 nuovi casi registrati a Napoli ieri, 24 hanno effettuato il tampone spontaneamente ma buona parte di essi ha rilasciato numeri errati o inesistenti per cui diventa più complesso il rintraccio dei contagiati e dei loro contatti. A riportare la notizia è ‘Il Mattino’.

Positivi anche in carcere

Attualmente presso il carcere di contrada Capodimonte a Benevento sono risultati positivi al Covid 19 tre detenuti e tre agenti della Polizia Penitenziaria. Numeri forniti dal direttore dell’istituto di pena sannita, Gianfranco Marcello che spiega anche come i test abbiano individuato positività: “Grazie alla Regione Campania è stato possibile effettuare uno screening di massa programmato, ovvero senza essere dinanzi ad un’emergenza”. Il numero uno del carcere di Benevento spiega infatti come la Regione abbia “inviato 750 tamponi da fare ai detenuti e a tutti coloro che lavorano nella struttura. Un’operazione di prevenzione che ha funzionato tanto è vero che i test hanno “scoperto” 3 casi tra i detenuti e 3 tra gli agenti”. Si tratta di persone risultate contagiate ma totalmente asintomatiche.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK