Variante covid individuata in Campania

La Campania si prepara al passaggio alla zona arancione con una nuova variante in circolazione. L’attività di sorveglianza sanitaria esercitata da Tigem, Istituto Pascale e Istituto zooprofilattico di Portici ha intercettato una nuova variante nell’agro Nocerino Sarnese. “In un cluster dell’agro abbiamo trovato nove campioni positivi alla variante sudafricana mutata — racconta il ricercatore Pellegrino Cerino, dell’Istituto di Portici —. Con la Asl abbiamo condotto uno screening su duemila persone, ma fortunatamente non abbiamo riscontrato altre presenze di positività riconducibili alla mutazione rilevata”.

“Insomma — conclude Cerino — da sperimentazioni in laboratorio, è stato possibile accertare che il virus mutato si comporta come quello del ceppo europeo, ed è quindi sotto copertura vaccinale, sebbene la carica di positività risulti un po’ più resistente e si estingua oltre i quindici giorni”.

Da lunedì si passa in arancione; si torna a scuola in presenza e con gli istituti superiori che accoglieranno fino al 50 per cento degli alunni. Ma soprattutto riaprono i negozi e si spera che a fine mese ci si possa recare anche in palestra e in piscina. Tutto questo avviene mentre in Campania si registra un indice Rt di contagiosità pari ad 1, una classificazione complessiva di rischio bassa, sebbene ad alta probabilità di progressione, e con i sintomatici che continuano ad aggirarsi sugli oltre 700 al giorno. Elementi che non rassicurano gli esperti e che fanno tenere alta l’attenzione.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.