De Magistris al Marconi di Giugliano: “Così abbiamo ripulito l’immagine di Napoli da monnezza e camorra”

 La periferia, il degrado e il futuro auspicabile’ questo il titolo dell’incontro tenutosi ieri mattina presso l’istituto Guglielmo Marconi di Giugliano.
Nell’auditorium della scuola di via Basile la preside Giovanna Mugione ha accolto il sindaco e presidente della città metropolitana Luigi De Magistris.
”Siamo orgogliosi di avere un sindaco che ha trasformato l’immagine di Napoli nel mondo. Abbiamo avuto la possibilità di conoscere una persona dall’elevato spessore umano e culturale” ha dichiarato la dott.ssa Mugione.
Tanti gli argomenti trattati durante il dibattito che ha visto la partecipazione dell’assessore alla pubblica istruzione Miriam Marino.
Protagonisti gli studenti delle classi 4 e 5 che hanno posto diverse domande al primo cittadino.
Si è iniziato a parlare delle eccellenze del territorio per poi affrontare le diverse criticità che attanagliano le cosiddette zone di periferia.
“E’ stato un incontro piacevole, in una giornata di 16 ore non sempre riesco a godere di momenti belli a Napoli. Oggi abbiamo una città in cui le persone sono tornate ad essere orgogliose, partecipano alla cura della città. Siamo i primi in turismo e cultura nonostante l’assenza di fondi perchè siamo proprio ripartiti dalla bellezza della nostra città. Sono orgoglioso perchè mi stanno aiutando molto i giovani a recuperare il senso di orgoglio, appartenenza ed amore per la propria terra. Dobbiamo batterci affinchè possa cancellarsi quell’immagine del qui non cambia mai niente, qui c’è solo camorra e degrado. Ci dobbiamo credere” ha dichiarato il sindaco De Magistris.

EDILIZIA SCOLASTICA

“Noi abbiamo cercato tra mille difficolta da quando io mi sono insediato nella città metropolitana di impiegare un numero enorme di risorse per l’edilizia scolastica.E’ molto complicato amministrare una città come Napoli, è molto complicato amministrare la città metropolitana e forse il motivo principale è che spesso non ci sono soldi. Come città metropolitana però senza entrare troppo nel tecnico siamo riusciti circa un anno e mezzo fa a recuperare con una battaglia istituzionale che abbiamo condotto per riuscire a svincolare alcune forme importanti che noi abbiamo destinato all’edilizia scolastica, infrstrutture,ambiente e quant altro.
Per Giugliano siamo in corso di aggiudicazione di una gara che porterà la ristrutturazione della sede centrale del vostro istituto ma abbiamo già dato la disponibilità per individuare un’area per poter realizzare una nuova sede a Giugliano.
Se si riesce a trovare un accordo tra città metropolitana e comune di Giugliano noi siamo disposti ad impegnarci e lo dico pubblicamente”.
AMMINISTRARE UNA CITTA’ COME NAPOLI
In una giornata di 16 ore riesco a godere poche degli aspetti positivi della città. Da quanto amministriamo Napoli mi sono reso conto che l’assenza di soldi non è mai stato un alibi per non fare niente. Grazie alla passione, alle capacità e alla voglia di fare di tanti napoletani, all’orgoglio, abbiamo trasformato Napoli. Nel primo mandato per raggiungere il mio ufficio in via Toledo dovevo saltare una montagna di rifiuti, la gente era arrabbiata, turisti in calo. Oggi abbiamo una città in cui le persone sono tornate ad essere orgogliose, partecipano alla cura della città. Siamo i primi in turismo e cultura nonostante l’assenza di fondi perchè siamo proprio ripartiti dalla bellezza della nostra città. Sono orgoglioso perchè mi stanno aiutando molto i giovani e recuperare il senso di orgoglio ed appartenenza e di amore per la propria terra significa battersi perchè si possa cancellare quell’immagine del qui non cambia mai niente, qui c’è solo la camorra e degrado. Ci dobbiamo credere, 8 anni fa mi prendevano per un pazzo visionario. Mentre prima a Napoli si girava solo Gomorra negli ultimi tre anni si sono girati 400 film e 400 produzioni cinematografiche. Allora io sono conviniti che tutti insieme, indipendentemente dal pensiero politico, possiamo unire le energie per far essere questa forza di Napoli contagiosi per i comuni. Abbiamo spostato il turismo dal centro storico alle periferie della città. Dove prima c’erano solo stese oggi c’è la bellezza la cultura. Certo le stese ci sono ancora però oggi chi dice che non c’è un’alternativa dice una fesseria.
Siccome sono stato un magistrato non mi piace giudicare. Se qualcuno sbaglia il nostro compito è offrirgli un’alternativa e coinvolgerlo nei nostri ambiti. La vittoria più grande è incontrare persone hanno sbagliato ,a hanno avuto una seconda grande possibilità.
Ho avuto la fortuna di avere con me amore e il non aver fatto calcoli. Quando dissi a mia moglie che mi sarei candidato non avevo avevamo un partito alle spalle. Lei mi disse questa è la prova definitiva della tua follia. Uno deve provare a credere che le cose si possono cambiare. Si commettono molti errori però abbiamo dimostrato che le cose possono cambiare se hai coraggio e voglia di fare.
Questo è quello che lasceremo un domani alla nostra città.

QUESTIONE RIFIUTI

Il tema dei rifiuti su questo territorio è molto sensibile, noi creiamo sinergia con le amministrazioni perchè non possiamo vincere la partita a Napoli senza aver superato tutti insieme una grande sfida. Voglio darvi un dato…Come hai fatto sindaco nel giro di un mese a togliere i rifiuti? Bisogna conoscere il sistema criminale che c’è dietro ai rifiuti. Il sistema criminale nel rapporto politica,affari. Quando c’è emergenza rifiuti i criminali guadagnano perchè controllano le discariche, la raccolta, il trasporto, tutti il ciclo dell’emergenza e quando c’è emergenza sei costretto ad affidare i lavori direttamente e non avere quella trasparenza  e correttezza di cui si parlava. Il sistema dei rifiuti deve essere pubblico. Ci siamo riusciti ma l’obiettivo della città metropolitana è quello di potenziare sempre di più la raccolta differenziata, realizzare impianti di compostaggio, abbiamo recentemente finanziato per tutti i comuni della città metropolitana compreso Giugliano la possibilità di acquisire maggiori spazzatrici per la pulizia delle strade e per fare centri di raccolta del multiimateriale. Stiamo lavorando in questa direzione ma è difficile perchè la camorra, i politici corrotti guadagnano sui rifiuti, sul sistema criminale e scommettono che noi qualche volta falliamo nel nostro progetto.
Abbiamo bisogno del sostegno della gente.
So solo io quanto è costato cancellare l’immagine che Napoli fosse solo monnezza e camorra.
Abbiamo molti nemici.Non solo abbiamo ecoballe terra dei fuochi immondizia, abbiamo anche debiti che hanno fatto politici sconsiderati.Togliere rapporti tra politica e camorra nella gestione dei rifiuti sono battaglie complicate che ho scelto. Ho pagato dei prezzi altri. Non faccio più il magistrato perche mi hanno fermato durante inchieste nei rapporti tra istituzioni e criminalità organizzata. So cosa sono le mafie, so quali sono i rapporti tra mafie ed istituzioni. Questi criminali hanno distrutto le nostre terre e noi non possiamo consentire mai più che questo accada. Io ci ho messo la faccia.

QUESTIONE MIGRANTI

Questo clima che si respira nel nostro paese è terribile. A prescindere dalle correnti politiche, non è facile dare sistemazioni a tutti, però qui entra in gioco l’essere umano. Io questo balletto di 40 giorni in piene festività natalizie, che ha coinvolto 47 persone in mezzo al mare, che non sono state fatte sbarcare in un territorio come l’italia che è un territorio di emigrazione, di solidarietà di amore e di giustizia sociale, l’ho trovata una pagina vergognosa del nostro paese. So perfettamente quanto è difficile accogliere ma non apriamo il nostro cuore alle persone in difficoltà non vale niente di ciò che facciamo.