Elezioni, settimana decisiva. Poziello già ‘a carro armato’, centrosinistra chiude su Pirozzi. Il centrodestra in cerca della quadra

elezioni giugliano

Potrebbe essere questa la settimana decisiva per l’annuncio delle candidature a sindaco per le prossime elezioni amministrative al Comune di Giugliano. Al momento l’unico ufficialmente in corsa è Antonio Poziello. Il sindaco sfiduciato pochi mesi prima della fine naturale del mandato è già attivissimo sia sui social che in strada. Non c’è giorno nel quale non organizza riunione ed incontri, in quello che è diventato il suo quartier generale in piazza Matteotti, per la formazione delle liste che andranno a comporre la sua coalizione che anche questa volta sarà formata principalmente da liste civiche. L’unico partito che lo sostiene al momento è Italia Viva, mentre resta il dubbio sull’utilizzo del simbolo dei Verdi. Sicuramente ci sarà anche la lista Antonio Poziello sindaco e probabilmente almeno altre due civiche.

Il centrosinistra

Sembra oramai fatto l’accordo nel centrosinistra sul nome del candidato a sindaco: si tratta di Nicola Pirozzi, capogruppo uscente del Pd. Entro sabato potrebbe esserci anche la conferenza stampa sull’ufficializzazione, con la presentazione di alcune liste della coalizione. Oltre al Pd faranno parte della coalizione Polis, i Riformisti, Giugliano Bene Comune, i Socialisti e una lista civica collegata al candidato a sindaco Pirozzi. In itinere la formazione di altre liste, anche sulla fascia costiera. Resta l’incognita dell’accordo col M5S.

Il M5S e la doppia ipotesi

Da parte del Pd e dai due portavoce grillini uscenti (Nicola Palma e Salvatore Pezzella) c’è stata disponibilità al dialogo e all’accordo a livello locale, ma bisogna attendere l’incontro Zingaretti-Crimi per capire se possa raggiungersi o meno l’intesa. Tutto dipende anche da cosa accadrà a livello regionale con De Luca e l’eventuale candidatura di Costa. Intanto, per non farsi trovare impreparato, il meet up locale sta lavorando per completare la lista dei candidati alle comunali. Il termine dovrebbe essere quello di sabato 7 marzo ma potrebbe slittare. E’ stato individuato anche l’eventuale candidato portavoce qualora non dovesse essere raggiunto l’accordo col Pd. Non è nessuno dei due portavoce uscenti ma un giovane professionista giuglianese.

Il centrodestra

La coalizione di centrodestra ha trovato da tempo la quadra col patto di coalizione, sottoscritto da Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Udc, CambiaMenti e liste civiche Guarino, per andare uniti alle elezioni ma non c’è ancora la quadra definitiva sul nome. Quello più caldo è sempre quello di Alfonso Sequino di Forza Italia, ma il partito di Berlusconi ha messo sul tavolo anche un altro nome, quello di Francesco Carleo, coordinatore cittadino ed ex consigliere comunale dell’Amministrazione Pianese. Anche Fratelli d’Italia ha messo sul tavolo due nomi per il candidato a sindaco: l’avvocato penalista Pietro Ciccarelli e il dottore Vincenzo Basile, mentre la Lega ha partecipato alla prima riunione con la presenza del coordinatore provinciale Vincenzo Catapano senza però avanzare velleità di candidature a sindaco per il partito di Salvini a Giugliano. Anche nel centrodestra, entro massimo 10 giorni, potrebbe esserci data l’ufficialità.

 

 

 

 

 

M5S