Lutto nel calcio italiano, è morto Gigi Simoni: ha allenato e giocato nel Napoli

Gigi Simoni (Foto d'archivio)

Lutto nel calcio italiano. Gigi Simoni, ex calciatore ed allenatore del Napoli, ha perso la vita. Simoni aveva giocato con la maglia azzurra nella stagione 1961-62, quando aveva vinto anche la Coppa Italia con il club partenopeo. Tra le sue esperienze da allenatore, invece, vanta anche la guida della Cremonese e, soprattutto, dell’Inter.  Corrado Ferlaino lo esonerò per l’accordo che aveva raggiunto anzi tempo con i nerazzurri dell’Inter.

La vita di Gigi Simoni

Come allenatore ha ottenuto otto promozioni da campionati professionisti (record condiviso con Osvaldo Jaconi, che però ha ottenuto anche altre tre promozioni da campionati dilettantistici, due sul campo e una con ripescaggio), con 7 promozioni in Serie A con Genoa (1975-1976 e 1980-1981), Brescia (1979-1980), Pisa (1984-1985 e 1986-1987), Cremonese (1992-1993) e Ancona (2002-2003), e una in Serie C1 con la Carrarese (1991-1992).

Nel 2003, in occasione del centenario della Cremonese, è stato nominato “allenatore del secolo” dei grigiorossi. Nel 2013 il Genoa ha inserito Simoni nella sua Hall of Fame.

La carriera di Simoni da giocatore

Ha fatto parte del Mantova di Edmondo Fabbri, promosso in Serie A; nel 1961 si trasferisce in prestito al Napoli, in Serie B, ottenendo la promozione e la vittoria in Coppa Italia. Tornato a Mantova, con i virgiliani ha debuttato nella massima serie, il 7 ottobre 1962 contro il Lanerossi Vicenza. Disputa due campionati di Serie A, prima di trasferirsi al Torino, nel 1964, dove forma con Luigi Meroni la coppia di ali titolari, realizzando 10 reti, record personale.

Rimane in granata per tre stagioni, e nel 1967 passa alla Juventus (dopo che quest’ultima aveva inutilmente trattato Meroni): in bianconero non trova spazio, disputando 11 partite di campionato. A fine stagione accetta il trasferimento in Serie B, al Brescia, con cui ottiene la promozione in Serie A. Chiude la carriera nel 1974, a 35 anni, dopo un triennio al Genoa, dove trova la quarta promozione personale nella massima serie, nel campionato 1972-1973.

Ha disputato complessivamente 368 partite da professionista (62 reti), di cui 187 in Serie A, con 32 reti. Fu convocato per tre raduni della Nazionale dal CT Edmondo Fabbri.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK