Giugliano alla ribalta nazionale, con Maisto in città tutti i leader nazionali del centrodestra

I leader nazionali del centrodestra a Giugliano
I leader nazionali del centrodestra a Giugliano

Riportare Giugliano alla ribalta nazionale per dare la dignità che merita ad una città di 130mila abitanti. Era questo l’obiettivo prefissato da Giuseppe Pietro Maisto fin dal primo giorno della campagna elettorale, da quando è stato indicato dai partiti ad essere il candidato sindaco della coalizione di centrodestra a Giugliano. Una promessa mantenuta in pieno quella di Maisto. Basta andare a guardare l’agenda degli incontri effettuati in queste settimane di campagna elettorale sul territorio giuglianese per accorgersi dell’importanza che i partiti nazionali del centrodestra hanno dato alla partita di Giugliano. A sostenere e tirare la volata a Giuseppe Pietro Maisto sono infatti arrivati diversi esponenti del panorama politico regionale e nazionale. A cominciare da Stefano Caldoro, ex Governatore della Regione Campania e attualmente candidato di nuovo alla presidenza, venuto a Giugliano diverse volte per incontrare Maisto. Forte anche la presenza dei leader della Lega nella terza città della Campania. Per ben due volte Matteo Salvini è stato a Giugliano, prima la visita al campo rom poi a Taverna del Re. Inoltre alla presentazione della lista locale del Carroccio era presente Giancarlo Giorgetti, vicesegretario federale della Lega, dal 1º giugno 2018 al 5 settembre 2019 Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri nel Primo Governo Conte.

Tra gli appuntamenti più importanti c’è quello con l’onorevole Antonio Tajani, europarlamentare, vicepresidente di Forza Italia e del Partito Popolare Europeo. Alla presentazione della lista di Forza Italia era presente invece Fulvio Martusciello, europarlamentare e figura di spicco del partito. Il coronavirus ha invece impedito al presidente Silvio Berlusconi di essere presente fisicamente a Giugliano, ma a lui sono pervenuti gli auguri di pronta guarigione da parte del candidato sindaco Maisto.

Doppio appuntamento lunedì scorso quando a Giugliano sono arrivati sullo Chalet in piazza Gramsci il segretario nazionale Udc Lorenzo Cesa e Maria Fida Moro, figlia di Aldo Moro, mentre nella sede di Fratelli d’Italia c’erano l’onorevole Francesco Lollobrigida e il commissario provinciale di Napoli FdI Andrea Delmastro Delle Vedove. Inoltre nei prossimi giorni potrebbe essere presente in città anche la segretaria nazionale di Fratalli d’Italia Giorgia Meloni. “Per cambiare Giugliano abbiamo bisogno del sostegno di tutti i vertici politici e istituzionali del paese. Insieme possiamo creare le condizioni per una vera rivoluzione! Con tutti i leader nazionali abbiamo parlato di tanti temi e idee da mettere in campo per rivoluzionare la nostra amata città. La sinistra ha fallito, ora tocca a noi!”, dichiara Maisto. Caldoro e Maisto hanno ribadito più volte che non verrà costruito nessun impianto a Giugliano, chiarendo così le dichiarazioni di Salvini che in visita a Taverna del Re aveva parlato della necessità di impianti per smaltire le ecoballe.  “Come centro destra, siamo decisi a risolvere una volta e per tutte il problema. Troppe bugie e pochi fatti da parte della sinistra. Giugliano e i giuglianesi meritano di più. Voglio però ribadire a chiare lettere che nessun nuovo impianto verrà costruito a Giugliano, come da legge voluta proprio dal centrodestra”. A ribadirlo anche Maisto, che si è detto pronto ad andare in Procura per sporgere denuncia contro chi ha contravvenuto alla legge. Ma non solo i partiti, anche le liste civiche a sostegno della coalizione di Maisto stanno dando un notevole apporto in termini di idee. A partire da CambiaMenti, la civica capitanata dall’ex consigliera comunale Anna Russo. Promotrici degli interessi della fascia costiera sono invece le liste Guarino e Licola-Lago Patria-Varcaturo, promosse da Luigi Guarino. Infine c’è la lista civica del sindaco, composta da professionisti, operai e impiegati.