7.4 C
Napoli
martedì, Gennaio 25, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Gomorra nel destino di Carmine Paternoster, Munaciello nella serie e Roberto nel film


Gomorra ha avuto e avrà un ruolo importante nella carriera di Carmine Paternoster. Venerdì scorso l’attore napoletano, classe ’72, ha debuttato nella quinta stagione della serie-tv ma ai tanti fan non sarà sfuggito il suo volto, infatti, interpretò Roberto nel film Gomorra, girato dal regista Matteo Garrone. Nel 2008 Paternoster vestiva i panni del giovane tecnico assunto dall’imprenditore Franco, interpretato da Tony Servillo, specializzato nello smaltimento dei rifiuti speciali.

Nella pellicola Roberto impara a scegliere le cave nelle quali interrare i rifiuti e a miscelare le scorie nel compost che viene venduto ai contadini. La coscienza del ragazzo viene, però, messa a dura prova dall’attività lavorativa borderline condotta da Franco che smaltisce i rifiuti speciali delle industrie del nord Italia nelle terre casertane e napoletane.

Il ragazzo vede alcuni bambini alla guida dei camion che trasportano i fusti di sostanze tossiche verso una cava appena acquistata dall’imprenditore. Il vero momento di crisi lo vive dopo l’incontro con una famiglia di contadini che decide di sotterrare i rifiuti nella loro terra. Dunque i frutti marci di quell’accordo sono le pesche dal cattivo odore, prima regalate a Roberto e poi gettate. Quei due momenti spingono il giovane ad abbandonare Franco e a cercare un nuovo lavoro.

Paternoster ha recitato anche nei film Take Five, L’Intervallo, I cinghiali di Portici, Ore 12, Falchi, L’Intrusa.

CARMINE PATERNOSTER, IL MUNACIELLO DELLA SERIE GOMORRA

Due settimane fa Paternoster è diventato ‘o Munaciello per il grande pubblico della serie-tv Gomorra. L’ambizioso capo-piazza di Secondigliano è inizialmente scontento della gestione della famiglia Levante, infatti, si fa portavoce delle lamentele degli affiliati. Per assicurarsi la fedeltà dell’astuto personaggio Saro e Ciccio decidono di fargli sposare la sorella Grazia. La festa del banchetto di nozze si trasforma in una carneficina perchè n quell’occasione tutto il clan cade nell’agguato teso dagli uomini di Genny .

Dopo il massacro della famiglia Levante, compresa la morte della neo-sposa uccisa in un raptus di follia, ‘o Munaciello diventa un uomo di fiducia del boss Savastano. Al nuovo personaggio viene ceduta la piazza di spaccio di droga prima in mano dall’affiliato ‘O cchiù bell’, ucciso dagli uomini del boss Galantommo nella faida tra i Savastano e i Levante.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Alessandro Caracciolo
Redattore del giornale online Internapoli.it. Iscritto all’albo dei giornalisti pubblicisti dal 2013.
- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Addio al reddito di cittadinanza, alcuni beneficiari lo perderanno a febbraio

Molti beneficiari del reddito di cittadinanza rischiano di perdere il beneficio. Le famiglie che hanno iniziato ad incassarlo dallo...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria