‘La legalità mette radici’ al IV Circolo: eventi e manifestazioni sulla legalità alla “Don Giuseppe Diana” di Varcaturo

L’educazione alla legalità ha per oggetto la natura e la funzione delle regole nella vita sociale, i valori civili e la democrazia, l’esercizio dei diritti di cittadinanza. Per un bambino riconoscere e accettare un mondo di regole è sempre un percorso difficile e faticoso. Pertanto, il 4° Circolo Didattico “Don Giuseppe Diana” ha posto al centro della propria azione formativa l’educazione alla legalità. Per rendere più efficace questa azione, si è ritenuto opportuno, a partire dalla fine del mese di febbraio e fino alla metà del mese di aprile,  programmare una serie di eventi e manifestazioni sul tema della legalità.

Quest’anno sono stati coinvolti anche i genitori degli alunni della Primaria e dell’Infanzia, con incontri informativi, sul delicato e diffuso fenomeno del bullismo.

A gennaio l’Istituto ha aderito al Concorso per il Premio Artistico Letterario “Don Peppe Diana” ( XV Edizione), intitolato alla memoria del sacerdote vittima innocente della camorra il 19/03/1994.

Le docenti, i docenti e gli studenti delle classi quarte e quinte hanno affrontato, durante il mese di marzo, il difficile tema del gioco d’azzardo producendo numerosi elaborati grafici molto significativi.  Alcuni di essi hanno partecipato al concorso.

Molto interessante l’incontro del 15 Marzo tenuto dal Maresciallo Massone Salvatore della Guardia di Finanza, insieme ad altri suoi collaboratori, per gli alunni delle classi quinte, nell’ambito del progetto “Educazione alla legalità economica”. Gli argomenti trattati sono stati molteplici: dalla circolazione delle banconote false all’evasione delle tasse, dalla non emissione di scontrini fiscali alla contraffazione di marchi originali. Durante l’incontro vi è stata una dimostrazione di come sono utilizzate le unità cinofile per combattere i fenomeni illegali.

Il giorno 19 Marzo, gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola primaria, insieme ai bambini della scuola dell’infanzia coordinati dalla docente referente alla legalità, Assunta   Errico, si sono riuniti  per commemorare il 24° anniversario  della morte di Don Giuseppe Diana. I bambini della scuola Primaria hanno letto alcuni passi dell’opera di Don Giuseppe Diana “Amo il mio popolo” e alcune frasi sulla legalità. E’poi seguito un lancio simbolico di palloncini bianchi in ricordo del sacerdote. Lo stesso giorno, la scuola dell’Infanzia del plesso di Licola, con una rappresentanza di alunni delle classi terze della scuola secondaria di primo grado “Don S. Vitale”, hanno commemorato la morte Don Giuseppe Diana con la stessa modalità adottata dal plesso centrale.

Il giorno 19/03 è partita l’iniziativa “Non ti scordar di me” che vede alunni, docenti e genitori coinvolti nella realizzazione di un murales all’interno del nostro Istituto. Si tratta di un’attività promossa dall’Associazione Legambiente per rendere più confortevoli ed abbellire gli istituti scolastici. L’attività è coordinata dalle docenti D’Angelo Stefania, Provenzano Gabriella e Bot Maria.

Il giorno 21 Marzo vi è stato l’incontro per commemorare le vittime innocenti delle mafie. La docente Assunta Errico ha illustrato come è nata l’idea di leggere l’elenco delle vittime; ha inoltre presentato l’Associazione Libera spiegando di cosa si occupa. Durante la lettura dei nomi delle vittime, a cui è seguito un minuto di silenzio per onorarne la memoria, si è creato un clima di grande rispetto,  interesse e partecipazione da parte di tutti.

Il  23 Marzo è stato il giorno della “Running in smile” una maratona socio – culturale dedicata al polo femminile facente parte di una serie di iniziative racchiuse nell’ambito del progetto “L’otto ancora”promossa dall’Assessorato Pari Opportunità del Comune di Giugliano. Il significato dell’iniziativa sportiva è stata spiegata da Anna Vigorito, membro della Federazione atletica leggera del Coni. Al termine della manifestazione sono intervenute la dirigente dott.ssa Michelina Del Vecchio, l’ass. alle Pari Opportunità Carla Rimoli e l’avv. Teresa Liguori coordinatrice del progetto stesso. Contemporaneamente la docente Valentina Franzese ha coordinato bambini e le docenti della scuola dell’Infanzia del plesso di Licola, in una maratona lungo i corridoi della scuola secondaria di primo grado “S. Vitale” insieme ad una rappresentanza di alunni delle classi terze .

Il  27 e 28 Marzo gli alunni di quarta e quinta della scuola Primaria hanno partecipato allo spettacolo teatrale  “Scuola vs Bulli”, realizzato dal teatro Totò di Napoli. Il musical fa parte di un progetto che ha lo scopo di combattere il fenomeno del bullismo e di sensibilizzare gli studenti verso questo fenomeno.

Nel mese di Aprile vi sono stati altri due incontri significativi: il primo, il giorno 09/04, a cura della Prefettura di Napoli, si è discusso di alcuni temi  che creano disagio sociale, come l’uso scorretto dei cellulari e l’ educazione stradale .

La dott.ssa Concetta La Sala, il cav. Antonio D’Ambrosio e alcune tirocinanti dell’Università Federico II  hanno utilizzato modalità coinvolgenti con i nostri 150 alunni di classe quinta, creando un clima di grande entusiasmo e partecipazione.

Il 17/04, il Tenente Daniele Barbero, il maresciallo Procolo  Petrungaro coordinati dal capitano della Compagnia di Giugliano Antonio De Lise, hanno affrontato con gli alunni delle classi quinte  l’attuale, quanto difficile tema del bullismo e del cyberbullismo.

Per concludere questo ricco percorso sulla legalità, il giorno 28/05 nell’auditorium del IV Circolo si è tenuto un incontro informativo sulla Costituzione. Alla fine dell’incontro è stato consegnato ad ogni alunno il testo della Costituzione. La distribuzione del testo si pone nell’ambito delle iniziative poste in essere dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per le celebrazioni dei 70 anni della Costituzione Italiana.

Durante l’intero anno scolastico si è rivelata indispensabile la sinergia tra la scuola e la Polizia Municipale del Comune di Giugliano, da sempre attenta, disponibile e presente.

La riuscita di tali iniziative è soprattutto frutto della sintonia tra e alunni, docenti ed istituzioni che hanno trovato i “canali” giusti e adottato metodologie appropriate per veicolare una tematica così complessa e difficile.