Licenziati durante l’emergenza Covid, lavoratori ex American Laundry dormono fuori l’ospedale per protesta

La protesta dei lavoratori ex American Laundry licenziati

In presidio permanente all’ospedale Policlinico Università Federico II per opporsi ad un licenziamento che ritengono ingiusto, dopo oltre 20 anni di lavoro e sacrifici. La protesta è di 10 lavoratori della società ex American Laundry di Melito. La società è gestita ora da un commissario dopo una interdittiva antimafia. Dopo le tante vicissitudini susseguenti, specializzata nella fornitura di biancheria alle sale operatorie e ai reparti ai presidi ospedalieri dell’Asl Napoli 1 Centro, non s’arrendono al mancato passaggio di cantiere dalla loro attuale ditta a quella subentrante. Si tratta della la HS srl. Ora chiedono perciò l’assorbimento presso la nuova società aggiudicatrice dell’appalto.

Il licenziamento

Il preavviso di licenziamento per i 10 lavoratori ex American Laundry in servizio al Policlinico è arrivato lo scorso 20 maggio. Invece la lettera di cessazione vera e proprio del rapporto di lavoro è giunta due giorni dopo, il 22 maggio. Ricevuta la comunicazione, i dipendenti hanno deciso di passare la scorsa settimana tre notti dinanzi la direzione sanitaria dell’ospedale Policlinico Federico II. Interrotta momentaneamente la protesta soltanto perché era previsto un incontro in Prefettura previsto per il 26 maggio scorso alla presenza delle parti sociali e dei vertici aziendali.

Le dichiarazioni dei lavoratori ex American Laundry

«Invece quel vertice è saltato e ci troviamo senza una soluzione. Per questo motivo siamo tornati in presidio permanente al Policlinico, dove ci troviamo in questo momento, senza la volontà di andarcene fin quando non verrà riaperto il tavolo di trattativa» afferma Pasquale Cinicolo, delegato del sindacato Ugl. «Non possono comportarsi così dopo decenni di sacrifici e dopo aver lavorato per 90 giorni con il rischio di contrarre il Coronavirus – aggiunge Cinicolo – Non siamo più giovani, se perdiamo il lavoro difficilmente ne troveremo un altro e nel frattempo come daremo da mangiare ai nostri figli?». Le premesse di eventuali accordi con la Hs non sembrano soddisfare i dipendenti ex American Laundry. Ancora il delegato Ugl Cinicolo: «Dopo 20/25 anni di lavoro nel settore vogliono proporci 3 mesi di apprendistato ai quali, forse, subentrerebbero un contratto momentaneo di 3 anni. Per noi è inaccettabile. Al Policlinico cambiano le ditte che si occupano di pulizie e della cucina e il passaggio di cantiere viene garantito, perché a noi no?».

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook