Napoli, Maggio intervistato dalla GdS attacca Sarri: “Quei cinque minuti negati sul campo…”

Christian Maggio, ex terzino del Napoli, ha rilasciato un’intervista a ‘La Gazzetta dello Sport’ sulla nuova avventura al Benevento e sull’addio agli azzurri.

“Non mi sono mai pentito della scelta. Negli ultimi anni non ho giocato tantissimo, mi era venuta la voglia di tornare a casa. Poi Benevento mi ha messo in crisi, ci ho pensato tanto, è stata una scelta difficile. Anche per la mia famiglia che a Napoli sta benissimo”.

“Quei cinque minuti negati sul campo…”

“Non posso nascondere l’amarezza per quei cinque minuti negati sul campo. Ma anche questo fa parte della vita. Poi ci hanno pensato i tifosi a fine partita con quel giro di campo a sorpresa a spazzare via la rabbia. Momento più bello la prima Coppa Italia vinta dopo più di vent’anni col Napoli contro la Juve a Roma”.

Christian Maggio a Radio Kiss Kiss Napoli

Maggio non nascose la sua delusione neanche dopo Crotone Napoli.
Ieri sono rimasto un po’ deluso, non posso negarlo perché ci tenevo a chiudere questo ciclo mio nel miglior modo possibile. E’ stata una giornata difficile ma mi resterà sempre nel cuore. Noi viviamo di emozioni, ma ho visto mio figlio e mia moglie felici e questo è il più bel regalo che i tifosi azzurri potessero farmi”.
Lo ha detto Christian Maggio commentando la sua ultima partita con il Napoli, esprimendo rammarico per la scelta di Maurizio Sarri che non gli ha regalato qualche minuto in campo. Maggio lascia il Napoli dopo dieci stagioni in ci ha vinto due Coppe Italia e una Supercoppa Italiana: “Mi sono passate per la testa – racconta a Radio Kiss Kiss Napoli – tantissime cose, tutto quello che ho fatto e ho ricevuto in questi dieci anni. La vita va avanti, si cresce, bisogna guardare il futuro. I tifosi sono stati unici, mi hanno regalato questa giornata indimenticabile”.