18.4 C
Napoli
sabato, Maggio 18, 2024
PUBBLICITÀ

Uccise la moglie per gelosia nel Casertano, Michele Marotta condannato a 26 anni

PUBBLICITÀ

La Corte d’Assise del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha condannato a 26 anni e 6 mesi di carcere il 36enne Michele Marotta, imputato per l’omicidio della moglie Maria Tedesco, avvenuto nel novembre 2020 in una stradina del comune di San Felice a Cancello, nel Casertano. Come riportato da Il Corriere del Mezzogiorno, per l’accusa si è trattato di “un’esecuzione” vera e propria. Il sostituto della Procura, Nicola Camerlingo, aveva chiesto l’ergastolo spiegando che l’uomo aveva agito per gelosia a causa di una presunta relazione extraconiugale della donna.

Per il pubblico ministero si sarebbe trattato di un omicidio premeditato, l’apice di una serie di maltrattamenti a cui l’uomo sottoponeva continuamente la moglie. Durante la requisitoria il pm lesse anche una serie di WhatsApp scritti dalla ragazza da cui emerse il clima di violenza che era costretta a subire, tra minacce e schiaffoni in pieno volto.

PUBBLICITÀ

La dinamica dell’omicidio

Michele Marotta fece scendere la moglie dall’automobile e, dopo l’ennesima lite, le sparò contro 6 colpi di pistola da distanza ravvicinata. Subito dopo salì in macchina, lasciandosi alle spalle la moglie agonizzante. Fu catturato poco dopo nella villetta di famiglia. All’epoca della tragedia la coppia aveva un figlio di 6 anni, affidato ora ai nonni.

 

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Buone ragioni per comprare un climatizzatore Daikin

Daikin è di certo uno dei brand più affidabili nel settore dei climatizzatori per uso residenziale. Parliamo, infatti, di...

Nella stessa categoria