Meteo instabile tra Napoli e provincia, bombe d'acqua e raffiche di vento
Foto di repertorio

Le condizioni meteo restano instabili tra Napoli e provincia, infatti, le prossime ore saranno, ancora, scandite da temporali e raffiche di vento. Intanto è ancora in vigore su alcuni settori della Campania: Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana, Alto Volturno e Matese, Penisola Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini, Tusciano e Alto Sele. 6 -Piana Sele e Alto Cilento. 8 -Basso Cilento).

Ieri la Protezione Civile della Regione Campania, esaminati i modelli matematici, emanava un nuovo avviso con una allerta meteo che tornerà ad interessare le stesse zone a partire dalle ore 12 di oggi e per le successive 24 ore.

LE PRECIPITAZIONI E TEMPORALI

In particolare si prevedono “Precipitazioni locali o sparse, anche a carattere di rovescio o isolato temporale. Possibili raffiche di vento nei temporali” e un rischio idrogeologico localizzato. A causa delle precipitazioni già osservate, a partire dalle prime ore di oggi, inoltre, si raccomanda la massima attenzione nei territori fragili o i cui terreni siano già saturi di acqua piovana. Resta il pericolo di frane o caduta massi, anche in assenza di nuovi temporali.​

Il maltempo flagella Napoli: doppio crollo ai Camaldoli e ad Agnano

“Un rumore sordo, poi il crollo. Abbiamo pensato a un terremoto”. Le famiglie di via Orsolone Guantai ai Camaldoli sono ancora scosse dalla, caduta del muro di cinta nel pomeriggio di mercoledì comportando l’interruzione della viabilità. “Siamo senza acqua e senza linea telefonica. Almeno per il momento non ci hanno detto di lasciare le case, ma siamo preoccupati”, aggiungono gli inquilini delle case coloniche del posto che ospita una mezza dozzina di famiglie.

Sul posto per gli interventi di messa in sicurezza e ripristino della foglia il servizio manutenzione strade e servizio integrato delle acque del Comune, l’Abc-servizio fogne e idrico- tecnici comunali, il vicepresidente dell’Ottava Municipalità Salvatore Passaro, il consigliere municipale Francesco Ruggiero e il consigliere regionale Pasquale Di Fenza.

Dinamica simile nei pressi all’ippodromo di Agnano. Anche in questo caso le forti piogge abbattutesi hanno causato il crollo di un muro di cinta in via Raffaele Ruggiero, dal lato dove si trovano le stalle dei cavalli. L’arteria è per buona parte ricoperta di fango riversatosi sull’asfalto dalla collina circostante.

Il maltempo flagella Napoli: doppio crollo ai Camaldoli e ad Agnano

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.