Ombre sullo Scudetto 2018 scippato al Napoli, a Le Iene il giallo dell’audio Var sparito sul fallo di Pjanic

var
Ombre sullo Scudetto 2018 scippato al Napoli, a Le Iene il giallo dell'audio Var sparito sul fallo di Pjanic
Un vero e proprio mistero quello sollevato ieri durante la trasmissione le Iene sulla partita Inter Juve del 2018, decisiva per l’assegnazione dello scudetto. C’è mistero, infatti, sull’aui del Var svanito sulla mancata espulsione dello juventino Pianjc. Un episodio molto discusso che probabilmente condizionò le sorti del campionato. Il Npoli di Sarri sfiòrò l’impresa nonostante i 91 punti. Che fine hanno fatto le comunicazioni audio tra VAR ed arbitro Orsato di cui parla l’ex procuratore della FIGC Giuseppe Pecoraro? Abbiamo indagato su questa strana vicenda

La Juve era in testa e il Napoli a -1. A un certo momento Pjanic entra duro su Rafinha e rischia l’espulsione, essendo già stato ammonito nel corso di quell’incontro. Al fallo l’arbitro Orsato si avvicina, cartellino in mano, ma dopo qualche secondo di attesa decide di non ammonire Pjanic per il suo intervento scomposto.

Il giallo dell’audio Var

Osservando con attenzione le immagini notiamo che nei momenti immediatamente successivi al fallo, Orsato ha in mano un cartellino giallo. Però non lo mostra allo juventino Pjanic ma all’interista d’Ambrosio. Perché non ammonirlo immediatamente, quando l’aveva a mezzo metro, e aspettare invece tutti quei secondi di attesa per farlo? Quel cartellino era sin dall’inizio per d’Ambrosio o l’arbitro Orsato l’aveva tirato fuori per Pjanic? E durante quei 35 secondi tra il fallo e l’ammonizione, il Var ha comunicato qualcosa negli auricolari dell’arbitro Orsato?

Pecoraro, ex procuratore della FIGC, rispetto a un’eventuale comunicazione via radio del VAR all’arbitro Orsato: “quel file su Inter-Juve di Orsato è sparito“.

Pecoraro all’epoca chiese i file audio-video di quel match, i dialoghi tra il VAR e l’arbitro Orsato. Li riceverà soltanto sei mesi dopo (e solo la parte video, non l’audio dei colloqui tra VAR e Orsato).

“La Lega disse che non l’avevano, che non c’era l’audio“, spiega Pecoraro a Le Iene. L’ex procuratore racconta ancora che quella sua richiesta creò forti tensioni con il mondo arbitrale. Nessuno gli diede mai una spiegazione chiara del perché mancasse solo l’audio relativo a quell’episodio.

Secondo Nicola Rizzoli, designatore degli arbitri di Serie A, non ci sarebbe nessun mistero. “Non è scomparso nulla, non c’è nulla da nascondere. A Pecoraro è arrivato il video. E’ quello che è arrivato a tutti, nel senso le telecamere normali, le immagini normali, quella evidentemente non è una situazione da VAR”.

Alla fine Rizzoli annuncia che in nome della massima trasparenza prossimamente si potranno ascoltare tutti gli audio VAR che ora invece sono segreti. Pecoraro però, raggiunto nuovamente al telefono, spiega che negli altri episodi che gli sono stati mandati, c’erano sia la traccia video che quella audio. “Ritengo che abbiano parlato, però lo ritengo io. Che cosa si siano detti, questo non lo sappiamo. La risposta più semplice è che non me l’abbiano voluto dare, perché mi danno l’audio degli altri episodi e non mi danno questo, quando a me interessava soltanto quell’episodio lì…”.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.