Quantcast
6.4 C
Napoli
mercoledì, Febbraio 8, 2023

Omicidio di ‘o gemello a Napoli, colpo di scena in aula: saranno ascoltati due pentiti

Pubblicità

Nuovo colpo di scena in aula nel processo che vede alla sbarra i ras dell’area flegrea per l’omicidio di Rodolfo Zinco. Prima delle discussioni degli avvocati (Nel collegio difensivo gli avvocati Leopoldo Perone, Antonio Rizzo, Giuseppe Perfetto, Gennaro Pecoraro e Rocco Maria Spina) previste per questa mattina il Procuratore generale ha chiesto di ascoltare le dichiarazioni di altri due collaboratori di giustizia in merito alle omicidio e cioè Youssef Aboumuslim, ex colonnello del clan Esposito di Bagnoli, e Felice D’Ausilio, figlio dell’ex boss Mimì o sfregiat.

La richiesta è stata accolta e dunque si aspetta adesso di conoscere i contenuti di tali rivelazioni. E dire che qualche settimana fa la Procura aveva invocato la conferma di tutte le condanne inflitte in primo grado a ras e gregari dei clan Giannelli e Cutolo in relazione all’omicidio di ‘o gemello, delitto avvenuto nel 2015.

Pubblicità

Chi rischia maggiormente è il boss Alessandro Giannelli indicato come mandante e coesecutore e che già nel marzo scorso si era visto infliggere la pena dell’ergastolo (leggi qui l’articolo precedente). Questa la richiesta del procuratore generale nel processo che si sta svolgendo presso la Corte d’Assise d’Appello di Napoli (IV sezione). Pena che adesso rischia di vedersi confermata. Per quell’omicidio è imputato anche il ras dei Cutolo Patrizio Allard, che grazie all’esclusione della premeditazione in primo grado era riuscito a evitare il carcere a vita, rimediando 30 anni di reclusione. Maurizio Bitonto invece, nonostante la richiesta iniziale del pubblico ministero all’ergastolo rimediò ‘solo’ vent’anni.

Giannelli tirato in ballo da Genny Carra

A parlare per primo di quel delitto il pentito Genny Carra che rivelò che «la decisione di uccidere Zinco è partita da me per motivi di rancore risalenti all’epoca della Vecchia Alleanza Flegrea. Ci riunimmo per 2 settimane con Giannelli e con Antonio Calone, affiliato al clan Cutolo anche se conserva l’egemonia sulla zona di Posillipo, per preparare l’omicidio. Giannelli era favorevole perché doveva dividere con Zinco al 50% i proventi delle attività illecite della zona di Cavalleggeri, Bagnoli e Agnano e riteneva che Zinco non si comportasse bene».

Pubblicità

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Pubblicità

Ultime Notizie

Federico Fashion Style contro l’ex moglie: “Vuole 10.000 euro al mese, si crede Ilary Blasi”

Federico Fashion Style, il parrucchiere più famoso d'Italia, non pare essersi lasciato in buoni rapporti con l'ex moglie Letizia...

Nella stessa categoria