16.7 C
Naples
domenica, 17 Novembre 2019
Home Attualità e Società Economia Reddito di cittadinanza, il pagamento ad agosto ed i rischi nel futuro

Reddito di cittadinanza, il pagamento ad agosto ed i rischi nel futuro

Vuoi evitare di rimanere a corto di denaro durante la pensione?
Se hai 350.000 €, ricevi aggiornamenti periodici e scarica la nostra guida senza spese. Clicca qui

C’è solo un weekend da scollinare, quello della corrente settimana, prima che l’Inps, puntualmente peraltro, proceda con il pagamento della mensilità di agosto 2019 del reddito di cittadinanza.

Pagamenti reddito di cittadinanza senza mai ritardi

Al riguardo nei mesi scorsi non ci sono stati mai ritardi, da parte dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (Inps), ragion per cui è lecito attendersi che nel periodo da lunedì 26 a sabato 31 agosto del 2019tutti i beneficiari del sussidio possano ricevere l’accredito sulla carta Postepay.

Quinta mensilità reddito cittadinanza per chi ha presentato domanda a marzo 2019

Per chi ha chiesto ed ottenuto il reddito di cittadinanza già dall’avvio della misura, quella del corrente mese è la quinta mensilità del sussidio fortemente voluto dal MoVimento 5 Stelle per combattere la povertà e per rilanciare l’occupazione.

Reddito di cittadinanza, Di Maio: rischia di saltare a fine anno

Il capo politico del Movimento 5 Stelle ha inserito il riferimento ai rischi cui va incontro il neonato sussidio governativo nell’elenco delle misure messe in pericolo dalla decisione della Lega di Matteo Salvini di interrompere l’esperienza dell’esecutivo gialloverde, ricordando alla stesso tempo che la crisi aperta dal Carroccio l’8 agosto ha anche congelato diverse leggi proposte dal Movimento 5 Stelle ad un passo dalla realizzazione e interrotto diversi tavoli di crisi, da quella dei lavoratori della Whirlpool di Napoli al dossier Ilva di Taranto.

Reddito di cittadinanza ma non solo: i punti per un nuovo governo

Nel suo intervento davanti ai giornalisti, Di Maio ha poi lasciato comprendere che è M5S è disponibile a tentare la via di una nuova esperienza di governo che eviti il ricorso alle urne. Elencando a questo fine una proposta in dieci punti che il M5S considera indispensabili per la formazione di una eventuale maggioranza alternativa: tra questi, il taglio del numero dei parlamentari, una manovra equa con salario minimo, taglio del cuneo fiscale e blocco delle clausole IVA, un cambio di paradigma per l’ambiente (un green new deal), una legge sul confltto d’interessi e una riforma della Rai sul modello della BBC.