Reddito di cittadinanza maggio
Reddito di cittadinanza

Le famiglie che hanno avuto almeno una mensilità del reddito o della pensione di cittadinanza tra gennaio e marzo 2021 sono state 1.484.444 per quasi 3,4 milioni di persone coinvolte. Lo si legge nell’Osservatorio Inps sul Reddito e di cittadinanza dal quale si evince che l’importo medio è stato di 553 euro a famiglia.

I beneficiari del reddito di cittadinanza

Sono 1.343.624 nuclei per 3.238.931 persone coinvolte e 582 euro. Hanno ricevuto almeno una mensilità della pensione di cittadinanza 140.820 famiglie per 159.672 persone coinvolte e un importo medio di 269 euro.
Prevalgono i nuclei composti da una o due persone (62%), il numero medio di persone per nucleo è 2,3 e l’età media dei componenti è di 35,8 anni. Le famiglie con minori a carico che percepiscono il reddito sono il 34% del totale dei beneficiari, pari a circa 386 mila. Mentre i nuclei con disabili sono 194mila, il 17% del totale. L’importo medio erogato è di 584 euro. Il 60% delle famiglie percepisce un importo inferiore a 600 euro e l’1% un importo superiore a 1200 euro. L’86% delle prestazioni è erogato a cittadini italiani, il 9% a cittadini extra comunitari con permesso di soggiorno, il 4% a cittadini europei e l’1% a familiari di tutti i casi precedenti.

A chi è stato revocato

Nello stesso periodo il rdc è stato revocato – con il recupero delle prestazioni indebitamente erogate – a circa 38mila nuclei familiari. Il motivo principale non è il non aver dichiarato redditi da lavoro, ma la “mancanza del requisito di residenza/cittadinanza”. Le regole attuali, di cui anche il presidente Inps Pasquale Tridico ha chiesto la modifica, escludono infatti gli extracomunitari residenti in Italia da meno di 10 anni. Nel 2020 il 74% delle revoche ha avuto questa motivazione. Nei primi tre mesi del 2021 le motivazioni principali sono questa e la titolarità ci autoveicoli, motoveicoli o navi e imbarcazioni da diporto. Segue il fatto di avere un patrimonio mobiliare sopra soglia.

La distribuzione del reddito

Su base geografica dice che 1,8 milioni di percettori sono nelle regioni del Sud, 452mila nelle regioni del Nord e 334mila in quelle del Centro. La Campania è la prima regione in Italia per sussidi, con il 22% delle prestazioni erogate, seguita dalla Sicilia con il 20%, dal Lazio con il 10% e dalla Puglia con il 9%: in queste regioni risiede il 61% delle famiglie con il reddito. La provincia che in assoluto nel mese di marzo 2021 ha avuto più nuclei beneficiari è stata Napoli (157 mila, pari al 15% del totale, con un importo medio a nucleo di 650 euro). Più del doppio di quelli di Roma (72 mila, pari al 7% del totale) e oltre quattro volte quelli di Milano (35.517).

Per quanto riguarda il reddito di emergenza, in favore dei nuclei familiari in difficoltà a causa dell’emergenza da Covid-19, ha interessato 425mila nuclei, una crescita del 60% rispetto al mese di febbraio, per un importo medio mensile di 550 euro. Sono state oltre 184 mila le persone che ne hanno beneficiato per cinque mesi, grazie alle proroghe previste dal dl 104/2020 e dal dl 137/2020, mentre 150mila nuclei ne hanno beneficiato per due mesi.

Reddito di cittadinanza pagamento aprile 2021

Doppia data di ricarica RdC. Dal 15 aprile in poi per chi ha presentato la domanda RdC entro il 31 marzo arriva l’invito di Poste Italiane a recarsi presso l’uffico di competenza a ritirare. Muniti di documento, la nuova Carta Reddito di Cittadinanza con la somma spettante, in base ai calcoli dell’ISEE, già precaricata. Dal 27 aprile 2021, invece, arriva il pagamento RdC di aprile per i già beneficiari della misura. Andiamo quindi a vedere le differenze e le novità 2021.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.