Tragedia a Roma, Emanuele ucciso per 50euro davanti alla fidanzata

Emanuele Mattei, l'uomo ucciso a Viterbo (Roma)
Emanuele Mattei, l'uomo ucciso a Viterbo (Roma)

Una terribile tragedia quella che si è consumata a Roma. Emanuele Mattei, 43 anni, è stato ucciso per un debito di poche decine di euro a seguito di una lite in strada. Prima qualche birra di troppo, poi i primi segnali di nervosismo ed infine il dramma. La vittima lavorava come cameriere vicino casa, in un ristorante in via Oderisi da Gubbio, ed era diplomato come ragioniere.

Salvatore Cau è invece il nome di chi ha ucciso Emanuele. L’uomo, 48enne, si era trasferito da qualche anno a Canepina, a Viterbo (Roma), ed aveva 40-50 euro contesi tra lui, un suo amico egiziano di 46 anni – già rilasciato – e la stessa vittima. Per poche decine di euro Emanuele è stato accoltellato all’addome, crollando sul marciapiede  di via Borghesano Lucchese sotto gli occhi della sua fidanzata, Cristina. Ad assistere alla terribile scena c’erano almeno altre quattro persone.

Omicidio Emanuele a Roma l’intervento dei carabinieri

L’autore dell’omicidio si è poi allontanato dal luogo del delitto, dove sono arrivate numerose pattuglie dei carabinieri. I militari hanno acquisito i primi elementi utili alle indagini, trovando l’auto con a bordo il cameriere ucciso e ancora sporco di sangue. Emanuele, purtroppo, ha perso la vita poco dopo essere stato accoltellato. Gli investigatori, poco dopo, hanno bloccato anche il secondo uomo, cittadino egiziano, che era tornato sul posto per accertarsi dell’accaduto.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULLE NOTIZIE DI CRONACA, POLITICA, SPORT E SPETTACOLO, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK