Sarri: “Non sono il vero traditore ma quelli come Higuain, vi spiego perché”

Nell’intervista integrale a Vanity Fair, il tecnico del Chelsea Maurizio Sarri, promesso sposo della Juve, ha parlato di vari argomenti.

Cos’è il Sarrismo? “È un modo di giocare a calcio e basta. Sette anni fa avevo altre idee, magari in futuro le cambierò di nuovo. Nasce dagli schiaffi presi, dalla ricerca di soluzioni per ogni difficoltà. L’evoluzione è figlia delle sconfitte. Non solo nel calcio. Io dopo una vittoria non so gioire. Chi vince, resta fermo nelle sue convinzioni. Una sconfitta mi segna dentro più a lungo, mi rende critico, mi sposta un passo avanti”.

Chi è un traditore? “Chi si sottrae. Chi fa prevalere l’obiettivo individuale sull’obiettivo collettivo. Perciò a me delle maglie piace la metà davanti, dove c’è lo stemma della società. Dietro c’è il nome del giocatore: quel lato mi interessa meno”.

Un errore baciare la maglia o fare atti d’amore? Perché privarsi di un atto d’amore in previsione di quello che succederà forse fra dieci anni? A Milano molti giocatori sono passati da qua a là. Sarebbe meglio non farlo in modo diretto, ma nel corso di una carriera può succedere”.

 

Insigne, Sarri alla Juve? Per napoletani è tradimento

 

”Sarri alla Juve? Questa scelta ci farà male, sono napoletano e conosco i napoletani e il loro pensiero su questo argomento, per noi sarebbe un tradimento. Speriamo che cambi idea”. Così Lorenzo Insigne sul possibile trasferimento del suo ex allenatore al club bianconero. ”Sarri al Napoli ha dato tanto, dispiace pensarlo su quella panchina – ha aggiunto Insigne dal ritiro della Nazionale – In ogni caso lui è un professionista, vuol tornare in Italia e quella sarà una sua scelta anche se non è ancora ufficiale”.

“Mi è dispiaciuto sia andato via Allegri perché ha vinto quasi tutto ed è stato un ottimo allenatore, però anche Sarri, con la vittoria dell’Europa League col Chelsea, ha dimostrato di essere veramente un tecnico di livello internazionale quindi sarei molto contento del suo arrivo”. Lo sprinter azzurro e tifoso bianconero, Filippo Tortu tifa Sarri per la panchina juventina. “Se avrei preferito Guardiola? Diciamo che da italiano mi piace l’idea che sia un italiano a sedere sulla panchina della Juve” ha quindi aggiunto il ventenne brianzolo.