Spacciavano con il ‘permesso’ della camorra, 36 arresti nel maxi blitz anti droga

camorra blitz elicottero carabinieri
Foto di archivio

Stamattina all’alba i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno hanno eseguito un’Ordinanza di applicazione di misure cautelari personali emessa dall’ufficio G.I.P. del Tribunale di Salerno, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia. Militari supportati in fase di esecuzione dal 7° Nucleo Elicotteri di Pontecagnano, dal Nucleo cinofili di Sarno e da quelli dei Comandi di Napoli, Caserta, Brescia, Taranto, Ferrara e Monza-Brianza.

Il provvedimento ha disposto la custodia cautelare in carcere a carico di 23 persone e  arresti domiciliari nei confronti di altre 13 persone. Sono ritenuti a vario titolo responsabili dei reati di traffico di sostanze stupefacenti e associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti commessi nel periodo compreso tra gli anni 2015 e 2016. Al contempo, sono stati eseguiti decreti di perquisizione personale e locale e notificate contestuali informazioni di garanzia – a carico di 5 indagati in stato di libertà.

L’OMICIDIO E LA PARTENZA DELLE INDAGINI

L’operazione si è svolta principalmente in Scafati e poi in Boscoreale ed altri per altra causa comuni del territorio nazionale in cui i soggetti interessati erano già detenuti ovvero attualmente residenti o dimoranti. Le indagini si sono sviluppate partendo rispettivamente da due episodi criminosi verificatisi a Scafati, quali l’omicidio del pregiudicato Armando Faucitano, ucciso a colpi di pistola il 26 aprile del 2015 in piazza Genova e l’attentato dinamitardo posto in essere la notte del 29 marzo 2016 ai danni del bar “My Love” di in via Pasquale Vitiello. All’epoca dei fatti gestito da Teresa Cannavacciuolo, nota per i suoi precedenti legati allo spaccio di stupefacenti.

I DUE GRUPPI CRIMINALI

Dall’indagine della Direzione Distrettuale Antimafia è emersa l’esistenza di due distinte associazioni finalizzate al traffico illecito di sostanze stupefacenti, operanti sul territorio del Comune di Scafati e aree limitrofe e rispettivamente dirette da: Giovanni Barbato Crocetta e Angelo Sorrento; Francesco Squillante, Teresa Cannavacciuolo, Andrea Carotenuto, Morena Carotenuto, Vincenzo, Raffaele Squillante e Salvatore Squillante.

Entrambi i sodalizi, il primo dei quali è risultato essere anche rifornitore del secondo, gestivano le piazze di spaccio e i circuiti di clientela di rispettiva pertinenza ed erano accomunati dall’esistenza di rapporti familiari al proprio interno, che rafforzavano il vincolo associativo tra i sodali.

I RAPPORTI CON I CLAN DI CAMORRA

Nel caso dell’associazione costituita intorno alle figure di Giovanni Barbato Crocetta e Angelo Sorrentino, sono stati altresì documentati rapporti, tenuti prevalentemente dallo stesso Barbato, con soggetti appartenenti o contigui ai clan camorristici operanti nella zona Matrone di Scafati e Aquino-Annunziata di Boscoreale.

Tra le fonti di approvvigionamento di stupefacenti, è stata registrata la capacita di attingere a fornitori in Olanda, come suffragato dal coinvolgimento di Carmine Alfano, Vincenzo Alfano e Pasquale Rizzo nell’acquisto di una partita di droga successivamente sequestrata il 23 giugno 2015 dalle autorità di polizia tedesche con un contestuale arresto il flagranza dei predetti Vincenzo Alfano e Pasquale Rizzo. Entrambi trovati in possesso, provenienti dall’Olanda) di 1 kg di cocaina e 4 kg di marijuana.

COINVOLTI ANCHE MINORENNI

In relazione alla seconda organizzazione, è stato anche acclarato il coinvolgimento di minorenni in un caso di età inferiore a quattordici anni impiegati in ausilio dalle rispettive madri nello svolgimento delle attività illecite fatti oggetto di separato procedimento istruito dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Salerno.

Le modalità di svolgimento dell’attività di spaccio precedevano modelli operativi standardizzati comprendenti: richieste telefoniche con linguaggio criptico e riferimenti convenzionali atti a dissimulare la natura illecita delle sostanze commissionate. L’individuazione di luoghi di consegna occasionali, incluse le adiacenze di abitazioni, scuole e luoghi pubblici. La custodia della droga in luoghi diversi dalle rispettive private abitazioni, generalmente ubicati nelle pertinenze delle stesse per agevolarne il pronto prelievo.

QUATTRO MILA EURO AL GIORNO

La stima approssimativa delle sole vendite al dettaglio si attesta a 100 cessioni quotidiane per ciascun sodalizio, per un introito giornaliero di 2mila euro e 4mila per entrambe. Nel corso delle indagini, a fini di riscontro delle risultanze delle intercettazioni in atto, sono stati eseguiti svariati interventi di iniziativa. Inoltre hanno consentito il rinvenimento e conseguente sequestro di denaro ritenuto provento dell’attività di spaccio e di vari quantitativi di sostanze stupefacenti nella disponibilità di acquirenti al dettaglio o degli indagati all’occorrenza arrestati in flagranza.

I NOMI DEGLI ARRESTATI ANTI DROGA

In carcere

Alfano Carmine nato a Torre del Greco il 13/04/1984
Barbato Crocetta Giovanni nato a Scafati il 14/03/1993
Berritto Francesco nato a Scafati il 30/07/1993
Cannavacciuolo Teresa nata a Pompei il 05/02/1982
Carotenuto Andrea nato a Pompei il 20/06/1989
Castaldo Gennaro nato a Castellammare di Stabbia il 27/07/1981
Desiderio Gabriele nato a Scafati il 24/01/1991
Guarracino Annabella nata ad Acerra il 17/02/1993
Incannella Daniele Antonio nato a Nocera Inferiore il 09/10/1997
Inserra Giuseppina nata a Scafati il 26/10/1982
Lanzieri Alessandro nato a Scafati il 06/02/1967
Longobardi Pasquale nato a Torre Annunziata il 19/061996
Mainenti Alfonso nato a Scafati il 15/03/1991
Mainenti Francesco nato a Pompei il 27/02/1982
Muollo Veruska nata a Torre Annunziata 19/06/1976
Paoletti Pietro nato a Torre Annunziata il 16/02/1990
Rispoli Raffaele nato a Torre Annunziata il 16/06/1976
Sorrentino Angelo nato a Nocera Inferiore il 08/11/1986
Squillante Francesco nato a Cava de’Tirreni il 15/01/1983
Squillante Raffaele nato a Scafati il 17/10/1989
Squillante Salvatore nato a Nocera Inferiore il 06/07/1981
Tufano Giovanni nato a Castellammare di Stabia il 06/03/1979

Ai domiciliari. 

Acanfora Maria Grazia nata a Boscoreale il 06/08/1960
Aquino Teresa nata a Pompei il 26/12/1968
Ascione Pasquale nato a Boscotracase il 27/06/1971
Carotenuto Morena nata a Pompei il 13/10/1986
Fienga Teresa nata a Pompei il 13/11/1997
Karakhi Nadia nata a Scafati il 01/01/1995
Langella Giuseppina nata a Pompei il 28/03/1983
Maineneti Carmela nata a Scafati il 10/12/1992
Paoletti Giovanna nata a Castellammare di Stabia il 29/05/1996
Pedone Antonio nato a Nocera Inferiore il 06/10/1994
Ruotolo Maria nata a Pompei il 28/06/1995
Santonicola Antonio nato a Pompei il 30/01/1981
Sicignano Anna nata a Scafati il 15/01/1971