21.3 C
Napoli
domenica, Agosto 14, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Lite nella pizzeria a Gragnano finisce in sparatoria, l’accusato si costituisce


Ieri sera Carlo Langellotti si è costituito nel carcere di Fuorni. Il 32enne dovrà rispondere del tentato omicidio condotto contro un 28enne con cui aveva avuto un alterco.  Langelotti è difeso dagli avvocati Raffaele Chiummariello e Antonio Di Martino.  I colpi di pistola furono esplosi lo scorso 16 maggio all’interno del locale a Gragnano.

Il 32enne è stato catturato a Salerno in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Torre Annunziata dai militari dell’Arma della Compagnia di Castellammare di Stabia.  I colpi di pistola, sparati a distanza ravvicinata, colpirono la vittima alla gamba destra ferendola alla coscia e al piede. Il 28enne si salvò nascondendosi in un’altra sala della pizzeria mentre una dipendente riuscì a fermare l’aggressore.

LE PAROLE DEL FERITO

Il giovane di Sorrento venne operato all’ospedale San Leonardo. Secondo il racconto del ferito si trovava a Gragnano per accompagnare un’amica a fare una visita medica.  “Non conoscevo questa persona, non frequento né Gragnano né la vicina Castellammare di Stabia, né ho avuto alcun problema con nessuno in pizzeria”, confidò all’Ansa. Sul posto subito dopo l’agguato intervennero i Carabinieri della stazione di Gragnano e della sezione operativa di Castellammare di Stabia. 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Covid in Campania, decessi in calo e oltre 2mila positivi: il bollettino

Diminuiscono i morti, due nelle ultime 48 ore, e un altro deceduto in precedenza ma registrato ieri, più o...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria