svapare-sigaretta-elettronica

Le sigarette elettroniche sono utilizzate da una fetta sempre più rilevante di fumatori, in Italia così come nel resto del mondo, a testimonianza della validità della soluzione e della qualità dei prodotti attualmente in commercio.

I dispositivi per lo svapo sono considerati gli strumenti ideali per porre fine alla propria dipendenza dal tabacco, permettendo al fumatore di sperimentare un’alternativa valida e certamente più salutare rispetto al consumo delle sigarette classiche.

Tuttavia, coloro che sono abituati a fumare il canonico bastoncino di tabacco, potrebbero non essere ancora a conoscenza dei vantaggi derivanti dall’utilizzo della sigaretta elettronica. I benefici relativi alla pratica sono diversi, legati sia alla salute del consumatore che al suo portafoglio.

A differenza dei pacchetti di sigarette, che siano venduti in stecche o nella singola confezione, le sigarette elettroniche hanno un costo ampiamente inferiore, che consente di risparmiare somme notevoli di denaro.

Di seguito si cercherà di rispondere alle domande più comuni in merito alla validità e all’efficacia dell’utilizzo delle sigarette elettroniche.

Le sigarette elettroniche possono aiutare a superare la dipendenza da nicotina?

Molti studi sugli effetti a lungo termine dell’utilizzo delle sigarette elettroniche le hanno ritenute in grado di aiutare realmente nella lotta alla dipendenza da nicotina.

La dipendenza provocata dalle sigarette deriva dalla presenza di diverse sostanze chimiche, tra le quali vi è proprio la nicotina, responsabile del rilascio di dopamina nel cervello.
La dopamina è un neurotrasmettitore di importanza fondamentale: a lei è deputata la trasmissione delle sensazioni di piacere, il che fa ben rendere conto come il consumo di sigarette induca il cervello a desiderare la nicotina con sempre maggiore insistenza.

Usare le sigarette elettroniche permette di dosare liberamente la quantità di nicotina presente nel liquido da aspirare. Il consumatore che desidera ridurre a zero il consumo della sostanza, dovrà diminuire poco a poco la quantità di nicotina da consumare durante l’utilizzo del dispositivo, fino ad azzerarne completamente il consumo.

Da ciò ne deriva che le sigarette elettroniche possano essere ritenute assai più efficaci delle gomme o dei cerotti per combattere la dipendenza da nicotina.

Smettere di fumare usando le sigarette elettroniche è possibile?

Sostituendosi alle sigarette classiche, i dispositivi per lo svapo fanno sì che il fumatore inizi a ridurre in modo costante la quantità di tabacco e nicotina consumati durante il giorno; una volta diminuito drasticamente il numero di sigarette fumate nell’arco di una giornata, il vizio del fumo è quasi eliminato.

Va detto, però, che si tratta di un processo lento e progressivo. Le sigarette elettroniche sono concepite appositamente per favorire l’abbandono del tabacco step-by-step, senza forzare le cose: cercare di eliminare il vizio del fumo da un giorno all’altro è decisamente difficile, se non impossibile, motivo per cui le e-cig consentiranno di allontanarsi dall’abitudine in maniera graduale.

La forma dei dispositivi per lo svapo è tale da poter consentire ai fumatori di mantenere la ritualità della sigaretta, pur evitando di dover ricorrerne al consumo.

Le sigarette elettroniche consentono di risparmiare rispetto al consumo di quelle tradizionali?

L’acquisto e il mantenimento di una sigaretta elettronica ha un costo decisamente inferiore rispetto a quello delle sigarette tradizionali.
In Italia, un pacchetto di sigarette da 20 ha un costo medio di 5€. Considerando che un fumatore accanito può arrivare a consumare più di un intero pacchetto in una sola giornata, ci si rende conto di come il mantenimento complessivo del proprio vizio possa raggiungere costi realmente esorbitanti.

Per quanto riguarda la sigaretta elettronica, l’acquisto del kit per iniziare a svapare ha un prezzo variabile, compreso tra i 30 e gli 80€. I liquidi per lo svapo hanno un costo che si aggira intorno ai 6€ e la loro durata, benché il consumo dipenda molto dalle abitudini dell’utente, può estendersi sino a una settimana.

Facendo un rapido calcolo, il costo mensile complessivo per l’acquisto dei singoli liquidi si attesterà intorno ai 25-30€. Si tratta di un risparmio notevole (pari a circa 120€ mensili), considerando che il fumatore tradizionale arriverà a spendere anche 100-150€ ogni mese.

L’utilizzo di sigarette elettroniche ha effetti negativi alla pari delle sigarette tradizionali?

Le e-cig riducono notevolmente i rischi per il fumatore, senza contare che non vi è alcuna incidenza di problematiche dal punto di vista del fumo passivo.

Tra i tanti studi condotti sui dispositivi, quello pubblicato su Annals of Internal Medicine è tra i più chiari ed esplicativi: nell’arco di sei mesi, l’utente che passerà al consumo delle sigarette elettroniche potrà vantare una diminuzione netta della presenza di sostanze cancerogene all’interno dell’organismo.

Dal punto di vista della quotidianità, il consumatore noterà miglioramenti dal punto di vista dell’attività respiratoria: il senso di oppressione provocato tipicamente dalle sigarette si ridurrà in maniera costante, mentre gusto e olfatto potranno tornare lentamente a una condizione di normalità, poiché il fumo altera entrambi i sensi.

Cosa comprende il kit per l’utilizzo della sigaretta elettronica?

L’utente che non ha ancora effettuato il passaggio alla e-cig potrebbe avere qualche dubbio in merito alle caratteristiche del kit da acquistare.

In commercio è possibile acquistare kit notevolmente differenti tra loro, come si può notare dall’ampio catalogo online di Svapostore. Alcuni modelli particolarmente avanzati, ad esempio, dispongono di batterie ricaricabili apposite, con cavi USB e tutto ciò che serve per consumare i liquidi.

Il kit è composto anche dall’atomizzatore, finalizzato a riscaldare il liquido da svapare, in modo tale da trasformarlo in vapore, e dalla classica testina intercambiabile.

Gli atomizzatori sono acquistabili in due modelli distinti: quelli rigenerabili e quelli non rigenerabili. Per i primi, è possibile sostituire completamente la resistenza presente all’interno della componente; i secondi, invece, andranno sostituiti una volta che il loro funzionamento sarà venuto meno.

Da non tralasciare la presenza del serbatoio e della batteria, essenziali per la corretta efficienza della sigaretta elettronica.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.