A solo dodici giorni dall’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip presso il Tribunale di Salerno, su richiesta della DDA di Salerno, torna il libertà Alfredo Oliva alias Alfredo o Biond, pluripregiudicato legato al clan Gionta nonché nipote del boss Gennaro Longobardi. Il giovane era accusato di essere partecipe di una associazione finalizzata al traffico di droga, operante nel territorio di Torre Annunziata e nell’agro nocerino. Il giudice per le indagini preliminari ha accolto l’istanza presentata dal difensore di Oliva, l’avvocato Antonio Iorio del Foro di Torre Annunziata, sostenendo la tesi del difensore secondo cui “al padre detenuto possono essere concessi gli arresti domiciliari qualora sia dimostrata l’impossibilità della madre di provvedere ai figli”. E così Oliva è potuto tornare a casa sua dove sconterà i domiciliari.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.