Ha tentato di raggirarlo con la ormai nota e triste truffa dello specchietto, ma questa volta non gli è andata bene ed è stato arrestato dai carabinieri. A finire in manette Vincenzo B., 48enne di Qualiano già noto alle forze dell’ordine.

Il fatto è avvenuto a Qualiano e il 48enne, nel percorrere una strada della cittadina, ha simulato l’impatto con un’altra auto in transito guidata da un 63enne. Il truffatore lo ha rincorso e lo ha obbligato a fermarsi: voleva 300 euro per il “torto” subito, uno specchietto rotto. La vittima non aveva quel denaro con se e allora si sono recati presso uno sportello bancomat.

La truffa si era quasi consumata ma fortunatamente, a rovinare i piani del 48enne, sono arrivati i carabinieri della stazione di Qualiano. I militari, allertati dal 112 su richiesta di aiuto da parte della figlia dell’anziana vittima, sono arrivati in tempo e hanno bloccato il 48enne davanti all’atm e lo hanno arrestato.

Perquisita l’auto del truffatore, sono stati rinvenuti e sequestrati la parte in plastica dello specchietto e un martello presumibilmente utilizzato per simulare l’impatto con l’auto della vittima. L’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di giudizio

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.