24.6 C
Napoli
mercoledì, Maggio 25, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

“Un giorno ci rincontreremo, auguri piccolo mio..”. Un mese senza Ciro Ascione, oggi avrebbe compiuto 17 anni


Avrebbe compiuto 17 anni oggi il giovane Ciro Ascione, morto cadendo da un treno alla stazione di Casoria. Il tragico destino del ragazzo di Arzano ha voluto che proprio oggi, nel giorno del suo compleanno, ricorre un mese esatto da quella tragedia avvenuta trenta giorni fa e che suscitò tanti dubbi e domande. Fu l’autopsia a chiarire le cause di quella immane tragedia.

Dopo la prima ipotesi di omicidio, fu infatti accertato che il giovane cadde dal treno in corsa, al quale era aggrappato in modo precario. Dunque fu un incidente. Causa confermata anche dairisultati dell’autopsia, che è stata effettuata nell’Istituto di Medicina legale del secondo Policlinico dal medico legale Massimo Esposito, al quale il pm Barbara Buonanno della Procura di Napoli Nord diretta da Francesco Greco aveva conferito l’incarico.

All’esame, durato circa 3 ore, hanno assistito anche i medici legali nominati dal legale della famiglia Ascione, Sabino Farese. Dopo l’esito che, di fatti, confermava la dinamica degli inquirenti, il magistrato ha dato il nulla osta per riconsegnare la salma ai genitori e la celebrazione dei funerali a cui parteciparono tantissime persone.

La sorella Martina, di cui è noto il grande affetto e il forte legame che aveva con Ciro, lo ha ricordato con un post su Facebook che ritrae la foto dello scorso compleanno del giovane, l’ultimo. “Non c’è bisogno di parlare”, ha scritto Martina condividendo la foto col fratello di un anno fa quando dedicò a Ciro una canzone di Eros Ramazzotti. “Più bella cosa non c’è…più bella cosa di TE
Unico come sei 
Immenso quando vuoi
GRAZIE DI ESISTERE”. “Un giorno ci rincontreremo ancora chissà dove.. saremo stati grandi attraversando gli anni.. Tiamo,piccolo mio”
LA DINAMICA 

Ciro era uscito sabato pomeriggio per incontrare la ragazzina: i due avevano preso appuntamento in pieno centro a Napoli, in via Toledo, e si erano poi separati verso le 20.45. Da lì Ciro ha raggiunto piazza Garibaldi, dove ha sentito telefonicamente i genitori; una telecamera lo ha ripreso proprio mentre entrava in stazione e passava davanti alla libreria Feltrinelli. Per paura di fare tardi si sarebbe aggrappato al treno in corsa da quale sarebbe caduto da solo. Al di là delle ragioni che l’hanno spinto a compiere questo gesto avventato. Resta da capire come sia stato possibile che un treno sia partito ed abbia proseguito la sua corsa con un ragazzo attaccato alle porte di un vagone, appoggiato sul piccolissimo predellino

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Strage a scuola negli Usa: 18enne uccide 19 bambini e un’insegnante

Martedì un diciottenne ha aperto il fuoco in una scuola elementare in Texas, uccidendo 19 studenti e almeno un...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria