Vittorio Brumotti aggredito a San Severo
Vittorio Brumotti aggredito a San Severo

L’inviato del tg satirico ‘Striscia la notizia’, Vittorio Brumotti, è stato aggredito nel pomeriggio di ieri mentre girava un servizio sullo spaccio di droga a San Bernardino di San Severo, in provincia di Foggia.

L’ex campione di bike è stato inseguito e accerchiato. E’ stato poi colpito con pugni sul volto che gli hanno procurato un trauma giudicato guaribile in trenta giorni. Contusi anche alcuni collaboratori del biker e due degli agenti delle forze dell’ordine intervenuti.

Il commento di Brumotti:

“La ferocia di queste persone che pensano di dominare il territorio non ci fermerà – commenta Vittorio Brumotti – continueremo a girare l’Italia e a denunciare tutte queste situazioni di degrado. Facciamolo tutti per i bambini, non si può far finta di nulla”.

Dispiaciuto per quanto accaduto, il primo cittadino del comune foggiano sottolinea all’Ansa che “i sanseveresi sono accoglienti, ospitali, amici di tutti” e spera che Brumotti con la sua troupe “tornino presto: li accoglieremo come nostri ospiti, come la nostra città fa con tutti i suoi visitatori”.

Il servizio integrale andrà in onda nei prossimi giorni su Canale 5, alle ore 20.35.

Vittorio Brumotti aggredito, il video choc: calci, pugni e sputi a Roma [ARTICOLO 23 APRILE 2021]

Ennesima, violenta aggressione ai danni dell’inviato del popolare programma di Canale5, “Striscia la notizia”, Vittorio Brumotti. Questa volta il fatto è successo mentre stava realizzando un servizio sullo spaccio di droga nella zona del quartiere Quarticciolo di Roma.

Ancora sotto choc Vittorio Brumotti vittima di un violento attacco mentre registrava un servizio sullo spaccio di droga.

Mi hanno dato calci sulla schiena e sui reni, sbattuto la faccia contro il furgone della troupe, che è stato distrutto, spaccato la bici“, ha raccontato l’inviato di Striscia la Notizia. Aggiungendo: “Il tutto condito dalle solite minacce di morte e nonostante la presenza delle forze dell’ordine, che hanno fatto il massimo per proteggermi“.

L’aggressione più feroce subita da Brumotti

Non è il primo episodio di violenza ai danni di Brumotti, ma assicura: “E’ stata l’aggressione più feroce della mia vita“.

Brumotti si trovava da tre giorni nel quartiere: “Si spaccia a cielo aperto, lungo la strada – spiega – Una situazione ingestibile, con pusher, sentinelle e picchiatori dietro i quali c’è una potente famiglia della ‘Ndrangheta“.

“La mia forza è la solidarietà delle persone che mi sostengono”

Da anni bersaglio di criminali e malviventi. La battaglia di Vittorio Brumotti in supporto dei cittadini esasperati per il dilagare della droga nelle loro comunità continua.

La sua forza sono le tante persone che lo sostengono e gli sono riconoscenti per il suo operato. “Io mi faccio scudo con i tanti messaggi di solidarietà che ho ricevuto dai disabili, dalle mamme e dalle persone più fragili che mi chiedono di intervenire in queste situazioni di degrado” dice Brumotti.

Il video dell’aggressione

https://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/brumotti-aggredito-a-roma-le-immagini-da-quarticciolo_72344.shtml

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.