Mertens e Hamsik tra i migliori cento giocatori al mondo, un vanto non riconosciuto

Mentre in città, partita dopo partita, monta il caso Hamsik, criticato dai tifosi per troppe prestazioni opache, un’importante sito, seguito a livello mondiale, lo colloca tra i migliori calciatori in attività. Espnfc, nelle ultime ore, ha pubblicato una lista dei migliori cento giocatori al mondo, suddividendola per ruoli. Navigando attraverso la lista, accompagnati da una grafica ad hoc, leggiamo il nome di Marek Hamsik nella categoria “Central-Mid”. Il capitano del Napoli, per rendere meglio l’idea, è inserito in questa particolare lista assieme a giocatori come Ivan Rakitic, Casemiro, Arturo Vidal, Sergio Busquets, Pogba, Toni Kroos e Luka Modric. Non esattamente giocatori, per così dire, normali. Nella categoria “Wide Forward”, troviamo anche Dries Mertens, tra i vari Franck Ribery, Angel Di Maria, Leroy Sanè, Marco Reus e Alexis Sanchez. Eppure, nonostante non sia il primo riconoscimento mondiale per uno o più giocatori del Napoli, buona parte della tifoseria tende con eccessiva facilità a criticare chi scende in campo al primo errore.

Basti pensare alla impressionante mole di critiche che dall’inizio della stagione caratterizzano i dopo partita di Marek Hamsik. Da quando lo slovacco sembra essere realmente in difficoltà – rispettando in toto il trend di tutto il reparto offensivo della squadra – le critiche da eccessive sono diventate addirittura ingenerose. Hamsik, in accordo con le impostazioni tattiche del Mister, ha modificato il suo modo di giocare: la rifinitura e il fraseggio in zona offensiva viene preferita alla conclusione. Ovviamente, ciò ha causato una sensibile diminuzione di goal fatti (resta a -1 il record di Diego Maradona) ma anche un aumento di palloni giocati e di peso specifico nella manovra offensiva del Napoli. Eppure, è bastato un calo nel numero di goal segnati per negativizzare ingenerosamente l’opinione pubblica sul suo conto. Leggere il suo nome tra quello di campioni assoluti, nella selezione dei migliori cento giocatori al mondo redatta da Espnfc è una chiara dimostrazione di quanto – spesso – si conosca poco il calcio e di quanto poco siamo predisposti ad osservarlo con oggettività ed attenzione.

Discorso differente va fatto per Dries Mertens che, nonostante un fisiologico calo fisico e, quindi, prestazionale, resta indenne dalla gogna superficiale del tifoso medio. È chiaro che la selezione di Espnfc fa riferimento ad un periodo che probabilmente parte dall’inizio della stagione e che comprende tutte le competizioni per squadre di club e Nazionali. Mertens, nella sua nuova posizione, creata ad hoc dal Mister, ha rivoluzionato non solo le sue stats ma anche la sua reputazione. Se fino a qualche anno fa, prima dell’infortunio (il primo) di Arek Milik, la pioggia di critiche ingenerose cadeva anche su di lui, da quando è la punta centrale del Napoli è diventato il giocatore forse più amato dalla tifoseria azzurra. Eppure, come è normale che sia, anche per Mertens sono capitate “giornate no”. Questo, in definitiva, dimostra come, spesso, un goal segnato risulti l’unica cosa che il tifoso medio riesce a notare e considerare. Bisognerebbe tener presente che se il pallone arrivi in area di rigore è perché “qualcun altro ce lo ha portato”.