Da sinistra Luciano Divano e Raffaele Guida (la vittima)

Omicidio al rione Traiano, il pizzaiolo arrestato e accusato per l’omicidio del cognato torna clamorosamente a piede libero. A poco più di un mese di distanza dall’atroce assassinio di Raffaele Guida, Luciano Divano, titolare del locale “I tre monelli” di via Tertulliano, è stato infatti scarcerato dal tribunale del Riesame. A convincere i giudici le argomentazioni del suo legale, Gandolfo Geraci, che hanno letteralmente sconfessato le dichiarazioni rese dai testimoni presenti quella sera. La notizia riportata da Il Roma. Divano era indicato come l’autore dell’accoltellamento, poi rivelatosi morale, del cognato Raffaele e del ferimento di Mattia e Pasquale Legnante poi trasportati al vicino ospedale San Paolo con prognosi di 15 giorni (leggi qui l’articolo). Secondo le notizie trapelate nelle ore immediatamente successive alla tragedia la lite sarebbe scoppiata per motivi passionali tra i Legnante e Divano: i fratelli Legnante si sarebbero recati nel locale per “chiarire” una discussione con Divano. Da qui l’intervento di Guida che avrebbe voluto fare da paciere, ma il suo intervento non è andato a buon fine tanto che è stato accoltellato. Le indagini lampo della squadra mobile si conclusero con il fermo di Divano il cui fratello Francesco poco meno di un mese fa è rimasto vittima di un agguato a Pianura.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.