E’ stata dichiarata la morte cerebrale per Antonella Sicomero. La bimba del quartiere Kalsa a Palermo finita in coma per un gioco orribile durante una prova estrema di soffocamento sul social TikTok. Nonostante i tentativi fatti dai medici per la piccola non c’è stato nulla da fare. I genitori hanno acconsentito all’espianto degli organi. All’ospedale dei Bambini c’è tanta tensione tra i familiari. Intanto le procure palermitane hanno aperto due inchieste per “istigazione al suicidio”.

Il cuore di Antonella si sarebbe fermato per alcuni interminabili minuti prima di ricominciare a battere grazie alle manovre rianimatorie eseguite dal personale sanitario.  “Siamo davanti ad un evento tragico e rivolgiamo le nostre più sincere condoglianze e pensieri di vicinanza alla famiglia e agli amici di questa bambina. La sicurezza della community TikTok è la nostra priorità assoluta, siamo a disposizione delle autorità competenti per collaborare alle loro indagini“, così un portavoce di TikTok.

LE PAROLE DELLA SORELLINA DI ANTONELLA

Oggi il quotidiano La Repubblica ha raccolto le reazioni della famiglia di Antonella. Il papà Angelo Sicomero è distrutto: “Mia figlia, la mia Antonella che muore per un gioco estremo su TikTok. Come posso accettarlo? Spiegatemelo“. “Antonella stava facendo il gioco dell’asfissia, io lo so“, ha spiegato la sorellina di 5 anni.

“Non ne sapevamo nulla” confida a Repubblica il padre, scuotendo la testa “Non sapevo che faceva questo gioco. Sapevo che Antonella andava su Tik-Tok per i balletti, per vede dei video. Ma come potevo immaginare che dietro ci fosse questa atrocità?”.
PER RESTARE SEMPRE INFORMATO VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.