Inchiesta sulla morte di Assunta, la donna di Marano deceduta al Cardarelli dopo il ricovero

assunta esposito morta cardarelli marano
Dramma a Marano per la morte di Assunta, morta dopo il ricovero al Cardarelli

La Procura di Napoli ha aperto un’indagine sulla morte di Assunta Esposito. Inizialmente la 76enne di Marano è stata portata al pronto soccorso il 3 luglio dopo aver accusato dolore ai reni, così come riportato da Il Mattino. Dopo gli accertamenti la donna è stata ricoverata nel reparto Medicina 1, dopo 4 giorni è stata trasferita nel reparto Lungodegenza.

LA MORTE DI ASSUNTA

Purtroppo Assunta morì l’otto luglio durante il giro visita dei medici. I familiari della donna sporsero querela al commissariato di Polizia dell’Arenella contro l’ospedale di Napoli, incaricando così il loro legale Raffaele Leanza.

LA REPLICA DEL CARDARELLI

Prevista per domani l’autopsia sul corpo di Assunta nell’istituto di Medicina Legale del Policlinico Federico II. L’ospedale Cardarelli replica alle accuse attraverso la direzione sanitaria e i dirigenti del reparto di lungodegenza guidato dal primario Maria D’Avino. “La signora era stata trasferita nel reparto di lungodegenza dopo 4 giorni di ricovero trascorsi per alcune ore in Osservazione, a valle del pronto soccorso, e poi nel reparto di Medicina. La diagnosi di ingresso indicava un’infezione urinaria probabilmente causata da un calcolo, e per questo la paziente era stata sottoposta a radiografia del torace e a un’ecografia dell’addome. La situazione clinica era stabile ma da monitorare per la presenza di significative comorbilità sovrapposte all’infezione in atto (fragilità della paziente in base all’età, affetta da diabete, ipertesa e con una insufficienza renale in ingresso in ospedale)”.

Quindi la Procura di Napoli aprirà un fascicolo per fare luce sul decesso di Assunta. Al momento nessuno risulta iscritto al registro degli indagati. I familiari della donna vogliono accertare le cause del decesso dell’anziana.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.