Polemiche e caos sui buoni spesa a Giugliano. Sabato, dopo una lunga attesa, è stata pubblicata la graduatoria dopo l’analisi delle 7536 domande arrivate, di cui 3518 accolte e 3524 escluse. Notevole la mole di lavoro pervenuta all’ufficio delle politiche sociali, finito sotto l”occhio del ciclone per l’alto numero di pratiche escluse dal beneficio. Per questi ultimi sarà possibile però fare ricorso entro 10 giorni, per essere reintegrati in caso di effettivo errore ma la polemica divampa. I consiglieri di opposizione Luigi Sequino, Francesco Iovinella e Paolo Conte hanno sollevato dubbi e perplessità circa la tempistica e il metodo utilizzati per la concessione del beneficio. 

“Tra le domande annullate ci sono moltissime famiglie con tutti i requisiti per ricevere un sostegno economico – denuncia Iovinella. Le domande sono state annullate per una mancata firma o per altri errori commessi per una scarsa comprensione della modulistica da compilare. Non tutti sanno usare internet. Non tutti sanno compilare pagine di moduli
Per chi ha aspettato tanto, l’attesa è stata vana perché non avrà nulla. Le circa 3.500 famiglie non devono restare escluse soltanto per un Errore Noi della minoranza ci faremo carico di portare all’assessore Pasquale Mallardo le istanze degli esclusi”, ha scritto il consigliere di Italia Viva Iovinella.
Stamattina un gruppo di cittadini esclusi ha protestato sotto la sede degli uffici delle politiche sociali, nel frattempo il sindaco Nicola Pirozzi ha riunito la giunta, dirigenti ed alcuni consiglieri in un tavolo tecnico per discutere del caso. Mentre chi ha commesso errori formali potrà integrare la domanda e chiedere il reintegro, si discute cosa fare per coloro che non hanno apposto la firma sull’autocertificazione.
Tutti gli incartamenti sulle pratiche sono stati inviati alla guardia di finanza per controllare la veridicità degli agenti

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.