23.6 C
Napoli
sabato, Maggio 21, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Bettarini-Ventura, il racconto di Niccolò: «Circondato da 10 persone, poi…»


«Mi ha dato alcuni buffetti sulla faccia cercando di provocarmi. Io ho provato a respingerlo, ma mi sono trovato immediatamente in mezzo a più di dieci persone e non ho capito più nulla». Ha rivelato il niccolò bettarini. «Sono caduto a terra – continua Bettarini Jr. – e quando Zoe è venuta a soccorrermi le è arrivato un calcio in faccia. Subito dopo sono scappati tutti».

Sono queste le parole di Niccolò Bettarini, figlio di Stefano e Simona Ventura, dopo l’aggressione subita, qualche giorno fa, all’esterno della discoteca Old Fashion a Milano.

Colui che ha colpito il giovane con otto coltellate aggredito domenica mattina all’esterno del locale milanese. Sarebbe riuscito ad entrare la sera di sabato con un coltello dalla lama “di circa 20 centimetri di lunghezza” nel locale. Arma che avrebbe poi usato fuori per il tentato omicidio. E’ quanto emerge dalle indagini della Squadra mobile di Milano, coordinate dal pm Elio Ramondini, che sta lavorando per identificare le almeno altre 6 persone che hanno partecipato al blitz violento.

Secondo la ricostruzione, Davide Caddeo, il 29enne accusato di aver sferrato gli otto fendenti e che più volte negli ultimi anni è stato denunciato per porto abusivo d’armi perché trovato in possesso di un “coltello a serramanico”. Sarebbe riuscito ad entrare nella discoteca con l’arma eludendo i controlli del locale (chiuso ieri su decisione del Questura) che, stando a quanto riferito dal gestore in alcune interviste, era provvisto di metal detector.

Accoltellato Niccolò Bettarini: la verità sull’aggressione fuori la discoteca

Dalla prima attività di indagine della polizia sembra che all’interno della discoteca un amico di Bettarini sia stato avvicinato da alcuni giovani. Uno di loro lo avrebbe colpito con degli schiaffi. A quel punto un addetto alla sicurezza della discoteca sarebbe intervenuto.

Limitandosi a rivolgersi all’aggressore in albanese senza richiedere alcun intervento alle forze dell’ordine. La lite è poi proseguita all’esterno, nell’immediata adiacenza dell’ingresso del locale. E inizialmente è stato coinvolto solo il ragazzo schiaffeggiato all’interno della discoteca. In suo soccorso però sono arrivati alcuni suoi amici, tra cui Bettarini.

«A quel punto una guardia giurata, estranea al personale della discoteca, che si trovava in automobile nella zona – spiegano gli agenti. Vedendo un nutrito gruppo di persone e tra questi un uomo con un grosso coltello tra le mani ha richiesto l’intervento degli agenti delle volanti. I poliziotti, al loro arrivo, hanno notato. «La presenza di diversi giovani che stavano soccorrendo un ragazzo di 19 anni, ferito all’addome e alle braccia, riverso al suolo. Gli agenti di poliziahanno fatto intervenire i soccorsi che hanno trasportare la giovane vittima in codice rosso in ospedale».

Gli agenti avrebbero poi fermato nella serata successiva quattro uomini per l’accoltellamento di Bettarini che attendono l’udienza di convalida del fermo»

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Hannibal non dà tregua all’Italia, temperature ‘di fuoco’ fino alla prossima settimana

Hannibal non dà tregua: previsioni meteo con caldo torrido. Sarà una domenica più tipica di luglio che di maggio a livello...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria