Focolaio Covid nella casa di riposo a Portici, morti 2 anziani nella notte

Focolaio Covid nella casa di riposo a Portici, 2 morti in 24 ore [Immagine di repertorio]
Focolaio Covid nella casa di riposo a Portici, 2 morti in 24 ore [Immagine di repertorio]

Due anziani di una casa di riposo a Portici, dove era scoppiato un focolaio Covid, hanno perso la vita nelle ultime 24 ore. Si tratta di un uomo ed una donna: il primo decedutoal Covid Hospital di Boscoreale, la seconda duranta  quarantena nella Rsa. A riportare la notizia è Il Mattino.

L’uomo, ultraottantenne, è stato il primo a risultare positivo nella casa di riposo ‘Pio XII’ ed è stato ricoverato in ospedale, seppur non in gravi condizioni. A seguito della scoperta, l’Asl aveva predisposto i tamponi per tutti, ottenendo risultati spaventosi: 57 positivi di cui 41 pazienti anziani e 16 operatori sanitari.

La vittima aveva anche altre patologie

Da allora gli anziani positivi sono stati separati da quelli negativi, mentre altri 2 sono stati ricoverati in ospedale per Covid. La vittima, che era in ospedale da 10 giorni, è deceduta ieri alle 17. I familiari hanno appreso la notizia però solo intorno alle 20:30, quando hanno chiamato per conoscere le condizioni del paziente, che non era ricoverato in terapia intensiva ma che aveva anche altre patologie. Nella casa di riposo è morta anche una donna di 95 anni, con altre patologie e risultata negativa al primo screening di tamponi. I medici avevano disposto per queste ore un secondo tampone, anche sui negativi, perché il virus nella prima fase poteva essere in incubazione.

Covid, nuova ordinanza di De Luca: chiuse le scuole, vietate feste e cerimonie

In relazione alla situazione epidemiologica esistente, sono state adottate misure rigorose con il doppio obiettivo di limitare al massimo le circostanze di assembramenti pericolosi in ogni ambito, privato e pubblico, e con l’obiettivo di ridurre al massimo la mobilità difficilmente controllabile.  Queste le principali misure adottate:

La misure adottate

  • Per il livello di contagio altissimo registrato anche nelle famiglie e derivante da contatti nel mondo scolastico, nelle scuole primarie e secondarie sono sospese le attività didattiche ed educative in presenza dal 16 al 30 ottobre. Sono sospese le attività didattiche e di verifica in presenza nelle Università, fatta eccezione per quelle relative agli studenti del primo anno.
  • Vietate le feste, anche conseguenti a cerimonie, civili o religiose, in luoghi pubblici, aperti pubblico e privati, al chiuso o all’aperto, con invitati estranei al nucleo familiare convivente.
  • Sono sospese le attività di circoli ludici e ricreativi.
  • E’ fatta raccomandazione agli Enti e Uffici competenti di differenziare gli orari di servizio giornaliero del personale in presenza.

-A tutti gli esercizi di ristorazione è fatto divieto di vendita con asporto dalle ore 21. Resta consentito il delivery senza limiti di orario.

Tali misure si aggiungono a quelle già disposte nelle recenti precedenti ordinanze, a cominciare dall’obbligo di indossare la mascherina deciso due settimane fa.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.