Elezioni Giugliano, nel centrodestra irrompe la Lega. Salvini: “Avremo un nostro candidato”

Salvini annuncia le mire su Giugliano
Salvini annuncia le mire su Giugliano

“Presenteremo uno dei nostri a Reggio Calabria, ma non solo, in tanti comuni del Sud. In Campania avremo un candidato a Giugliano, che è il Comune italiano non capoluogo di provincia più popoloso del Paese”. A parlare è il leader della Lega Matteo Salvini, che con la sua dichiarazione mette nelle proprie mira sulla terza città della Campania. Nell’accordo chiuso a livello nazionale con Fratelli d’Italia e Forza Italia, infatti, rientra anche la partita riguardante la città di Giugliano. Visto che al partito di Berlusconi è andata la candidatura della Regione Campania con Caldoro, la Lega avrebbe strappato un mezzo accordo per candidare a sindaco suoi esponenti in Comuni chiave, tra cui Reggio Calabria e Giugliano. “È una svolta storica – ha dichiarato Salvni – presenteremo uno dei nostri a Reggio Calabria, ma non solo, in tanti comuni del Sud. In Campania avremo un candidato a Giugliano, che è il Comune italiano non capoluogo di provincia più popoloso del Paese”.

Salvini mette le mani in Campania

Il progetto del «Capitano» è continuare a radicare sempre più la Lega al Sud, un partito nazionale e con una classe dirigente in grado di intercettare consensi su temi concreti.  «Ragionavo con i miei in Campania che il prossimo anno non si voterà solo a Napoli, ma anche a Caserta e Benevento. Lì siamo in grado di poter competere perché si sta sviluppando una squadra forte anche grazie ad alcuni innesti di persone valide come Giampiero Zinzi. Ce la giocheremo alla grande anche lì».

La posizione della Lega a livello nazionale fa saltare dunque di nuovo il banco a livello locale. A Giugliano  erano caldi i nomi sul tavolo di Alfonso Sequino di Forza Italia e Giuseppe Pietro Maisto, che piaceva molto proprio ai rappresentanti locali del partito di Salvini. Resterà da capire, a questo punto, quale sarà la posizione degli altri partiti della coalizione e delle liste civiche sui nomi proposti o se ne usciranno nuovi.

Lo avevamo dichiarato che la partita all’interno del centrodestra giuglianese dipendeva tutto da quello che sarebbe accaduto a livello regionale, e così è stato. Con l’ufficialità di Caldoro ci sarà un effetto a catena che potrebbe scompaginare tutti i piani: portare alla rottura e deflagrazione della coalizione o, in alternativa, a ricompattarli tutti.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.