E’ scoppiato un doppio focolaio Covid in due diversi centri per migranti ad Arzano e Licola.
La situazione più grave si sta verificando all’Hotel Circe di Licola, dal 2015
trasformato in un CAS, dove i casi accertati sono 17 (14 migranti e 3 operatori).
Il focolaio si è alimentato in pochissimo tempo se si pensa che fino alla scorsa settimana era stata riscontrata una sola positività. La situazione è però ben presto degenerata e per scongiurare il pericolo di fuga dei migranti, la zona è sorvegliata dalla polizia municipale di Pozzuoli. Nella tarda mattinata di ieri gli animi all’interno del Cas si sono surriscaldati ed alcuni migranti hanno occupato l’ingresso dell’hotel minacciando un blocco stradale.
Covid.

Focolaio covid centri migranti, sommossa ad Arzano

Problemi anche all’Hotel Spot di Arzano (ex Hotel Olga), dove è scoppiata la sommossa dei migranti. Questi rifiutano di sottoporsi a tampone, nonostante siano stati accertati già tre casi di Covid.

Cos’è il CAS

CAS sono strutture operative aziendali che orientano e supportano i nuovi pazienti onco-ematologici assicurandone la presa in carico iniziale e la guida fino al termine del percorso diagnostico-stadiativo con l’affido finale allo specialista per la patologia di competenza.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.