Ha un malinteso con la moglie, lascia il figlio di 2 anni da solo su un treno: la storia termina con un lieto fine

Storia a lieto fine quella di ieri 2 settembre, che ha visto coinvolti due genitori ed il piccolo figlioletto, lasciato inconsapevolmente sul treno ed affidato da parte del capotreno alle cure del personale della Polizia Ferroviaria di Forlì.

Su segnalazione del capotreno infatti, i poliziotti alle ore 12.15 sono intervenuti all’arrivo del treno I.C. 606, proveniente da Rimini, poiché a bordo del convoglio si trovava un bambino di circa due anni non accompagnato dai genitori.

La pattuglia ha raggiunto immediatamente il capotreno ricevendo il bimbo e mettendosi in comunicazione telefonica con la madre del piccolo viaggiatore rimasto da solo, che per un malinteso con il padre, era rimasta sulla banchina a Rimini lasciando il pargolo sul convoglio.

Di fatto i genitori hanno raggiunto subito dopo il Posto Polfer di Forlì, chiarendo come erano andati i fatti: sul convoglio in partenza da Rimini il padre si è allontanato per cercare posti liberi, mentre la madre con il figlio, credendo erroneamente che il marito volesse prendere un altro treno, è scesa per chiedere aiuto a far scendere il bimbo che si trovava sul passeggino, proprio quando le porte del treno si sono chiuse ed il treno è partito.

A sua volta il padre, non vedendo i propri familiari e convinto che non fossero partiti affatto da Rimini, è sceso a Cesena facendo proseguire il viaggio al piccolo da solo, fino a Forlì.

A Forlì finalmente il figlioletto ha potuto riabbracciare i suoi genitori.