Momenti di tensione stamattina in consiglio comunale a Giugliano. L’esponente del centrodestra Paolo Liccardo ha infatti denunciato in aula che qualcuno avrebbe inviato a suo nome un dossier su un ex assessore, tant’è che è stato convocato in Commissariato per chiarire.

“In questi giorni si sono verificati episodi sgradevoli. Io ho sempre rispettato assessori, consiglieri, dipendenti e tecnici. Le azioni amministrative si possono convidirere o meno ma non cambia il rispetto per la politica. I miei rapporti personali, invece, sono stati oggetto di strumentalizzazione. Devo sottolineare che a qualcuno piace mettere inciuci, gossip e pettegolezzi da marciapiede. Sono stato convocato in Questura la settimana scorsa perchè è stata fatta a mio nome un esposto nei confronti di un ex assessore, dove avrei scritto di cotte e di crude sul suo conto. Naturalmente ho disconosciuto quell’esposto che non ho mai fatto. Ho preparato una querela nei confronti di ignoti. Se questa è la politica che dobbiamo fare in questo paese significa che siamo alla frutta”. 

A rispondere è stato il consigliere Luigi Sequino, il quale oltre a mostrare solidarietà a Liccardo, ha sottolineato “di non capire i modi e termini del perchè Liccardo abbia informato l’aula dell’accaduto, quasi come se avesse individuato il colpevole in quest’aula”. 

Liccardo è intervenuto di nuovo precisando che non intendeva accusare nessuno in particolare: “Il mio intento era quello di invitare l’aula ad innalzare il livello della discussione, non è normale essere chiamato in questura per un esposto anonimo. Non ho voluto accusare nessuno in particolare, per questo ho parlato di gossip da marciapiede”. 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.