Marano. Carcere duro per il boss Antonio Orlando: ‘Mazzolino’ al 41 bis

Sarà trasferito in un nuovo carcere da quello di Opera il superboss del clan Orlando Antonio Orlando detto ‘Mazzolino’. Il capo dei ‘Carrisi’ è stato infatti posto sotto la misura del carcere duro, il 41 bis. Orlando, che figurava nell’elenco dei cento latitanti più pericolosi d’Italia, fu arrestato nel novembre dello scorso anno a Mugnano in via Rossini dai carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna. Il boss è stato condannato, lo scorso febbraio, a 18 anni di reclusione: doveva rispondere dei reati di associazione mafiosa finalizzata al traffico di stupefacenti ed estorsione. Il processo si è celebrato con il rito abbreviato.  Adesso per lui si aprono i portoni di uno dei carceri di massima sicurezza del paese.