3.5 C
Napoli
martedì, Gennaio 25, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Mareggiata sul litorale: in ginocchio i lidi di Giugliano, Castel Volturno e Pozzuoli


Chiesto lo stato di calamità naturale dopo i danni ingenti provocati dalle mareggiate delle ultime settimane agli stabilimenti balneari del litorale Domizio-Flegreo. Questa la richiesta presentata dai sindacati dei balneari alla Regione. “Da anni ormai stiamo affrontando il problema dell’erosione – hanno affermato il presidente SIB Caserta Angela Di Maio e il presidente Confcommercio Caserta Vincenzo Santo– e in un certo senso siamo preparati alla possibilità di subire rotture in seguito alle forti mareggiate ma quello che è successo stanotte è stato sicuramente un evento imprevedibile e di inaudita violenza che ha causato gravi danni alle nostre strutture. Siamo con le spalle al muro e le previsioni non sono confortanti. Confidiamo in un collaborazione urgente da parte delle Istituzioni. Insieme alle Associazioni territoriali abbiamo chiesto lo stato di calamità, speriamo in un intervento tempestivo”

Le piogge abbondanti hanno prodotto effetti disastrosi nelle aree balneari di Castel Volturno, Giugliano ed anche sulla costa flegrea.  La mareggiata ha spazzato il litorale travolgendo alcune strutture balneari. Fortunatamente non ci sono stati  feriti, ma solamente danni a cose. Tutto il litorale è stato spazzato da una violenta burrasca. Le acque della mareggiata hanno raggiunto il limite dell’arenile, travolgendo tutto quello che trovavano nel mezzo. Anche se le strutture balneari sono al momento per lo più smontate, in alcuni casi, le acque del mare hanno raggiunto le rotonde costruite a diverse decine di metri dalla battigia. Sono andate distrutte diverse strutture semi-permanenti, senza contare i danni causati dall’erosione.

“La mareggiata che da due giorni sta imperversando sul litorale Domitio ha distrutto o danneggiato più del 90% degli stabilimenti balneari – ha rincarato Vincenzo Santo – in alcuni casi ridotti ad un cumulo di detriti e calcinacci. Con il Sindaco ci siamo attivati immediatamente affinché parta la richiesta di calamità naturale. Inoltre ho chiesto un incontro al Prefetto di Caserta per sollecitare interventi seri e risolutivi sia da parte delle Istituzioni locali che nazionali”. 

Sull’emergenza è intervenuto anche il sindaco di Castel Volturno Dimitri Russo, il quale si è detto preoccupato per l’accaduto: “Le mareggiate di questi giorni sono state straordinarie, mai viste prima. Il mare ha oltrepassato il confine dei lidi ed è arrivato sulle consortili. Alcuni stabilimenti balneari sono andati giù, altri sono in mezzo al mare. Danni ingenti. Alcuni cittadini sono stati bloccati dentro casa. Abbiamo subito allertato la protezione civile regionale e deliberato lo stato di calamità naturale”, ha dichiarato il primo cittadino.

“La località più critica è sempre Destra Volturno, in quanto sottoposta al livello del mare, lì dove il sistema fognario è inefficiente anche solo per le acque piovane abbonamenti. Ma anche un sistema efficiente sarebbe collassato se, come è successo, il mare raggiunge i duecento metri dalla battigia. La situazione sta tornando alla normalità. Grazie ai vigili urbani, ai dipendenti della manutenzione, ai dipendenti della Volturno Multiutility SpA, alla Senesi, ai soliti amici imprenditori, ma soprattutto ai cittadini che hanno dimostrato pazienza, comprensione e tanta collaborazione”, ha concluso il sindaco. 

Anche sulla Riviera Flegrea Domitia si sono registrati notevoli danneggiamenti come ha riportato su Facebook Salvatore Trinchillo, presidente regionale del FIPE-Confcommercio e imprenditore balneare, allegando le foto del Lido Varcadoro di Varcaturo dopo la tempesta di qualche giorno fa. “Mare alto, vento forte, danni ingenti” – ha scritto l’imprenditore napoletano.

 

 

L’ente regionale campano, richiamato all’attenzione per verificare lo stato di calamità dei luoghi interessati dalle mareggiate, valuterà la situazione attraverso le verifiche sul posto della Protezione Civile. Se la condizione di crisi sarà effettivamente riconosciuta, verrà nominato un apposito Commissario delegato col compito di coordinare gli interventi di ripristino dello stato di normalità delle zone in questione. In tal caso la Regione stanzierà dei fondi per risarcire le strutture rovinate.

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

E’ nato Francesco D’Alessio, Gigi papà per la quinta volta: festa con Denise Esposito

"Francesco, benvenuto alla vita". Questo il messaggio che Gigi D'Alessio ha scritto sui social per la nascita di Francesco D'Alessio,...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria