25.2 C
Napoli
martedì, Agosto 16, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Mascherine FFP2 sul posto di lavoro, arriva la decisione sull’obbligo


Le nuove misure di prevenzione si sono adattate all’evoluzione della pandemia: ci sono semplificazioni ma si chiede premura nell’utilizzo delle mascherine FFP2. L’espansione della pandemia sembra essere sotto controllo ma i dati delle ultime settimane ci fanno capire che non possiamo ancora abbassare la guardia.

Mascherine FFP2

L’ultimo pacchetto di prevenzioni prevede degli adattamenti e delle semplificazioni nelle misure anti Covid, ma sottolinea l’importanza nel sapere riconoscere il “pericolo”. Per i soggetti fragili e in determinati condizioni di lavoro la FFP2 non è obbligatoria ma è strettamente consigliata.

Il Protocollo di aggiornamento delle misure per il contrasto al Covid negli ambienti di lavoro chiarisce infatti che l’uso della FFP2: “è un presidio importante per la tutela della salute dei lavoratori ai fini della prevenzione del contagio nei contesti di lavoro in ambienti chiusi e condivisi da più lavoratori o aperti al pubblico o dove comunque non sia possibile il distanziamento interpersonale di un metro per le specificità delle attività lavorative“. Motivo per cui, come precisato nel Protocollo: “Il datore di lavoro assicura la disponibilità di FFP2 al fine di consentirne a tutti i lavoratori l’utilizzo“.

Le misure sono state firmate dopo l’incontro dati tra Ministero del Lavoro, Ministero della Salute, Mise e Inail e parti sociali. Il Protocollo “aggiorna e rinnova i precedenti accordi su invito del Ministro del lavoro e delle politiche sociali e del Ministro della salute, che hanno promosso un nuovo confronto tra le Parti sociali“. Gli aggiornamenti, come specificato in una nota, snelliscono le riforme di prevenzione e contenimento del virus ma si adattano all’impennata dei contagi degli ultimi giorni.

Il ruolo del datore di lavoro 

Il datore di lavoro, su specifica indicazione del medico competente o del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, sulla base delle specifiche mansioni e dei contesti lavorativi sopra richiamati, individua particolari gruppi di lavoratori ai quali fornire adeguati dispositivi di protezione individuali (FFP2), che dovranno essere indossati, avendo particolare attenzione ai soggetti fragili” si specifica.

Spetterà al datore e all’esperto competente quindi salvaguardare i fragili garantendo protezione fornendo le FFP2. Le nuove misure “sottolineano l’importanza di garantire condizioni di salubrità e sicurezza degli ambienti e delle modalità di lavoro a specifica tutela dei lavoratori stessi“. “L’attuale Protocollo è più snello e contiene una serie di misure di prevenzione che tengono conto dell’evoluzione della situazione pandemica: è una semplificazione importante del quadro di regole ma non è un liberi tutti, considerata l’impennata dei contagi di questi giorni“.

A discrezione del datore e sotto consiglio del medico quando obbligare la FFP2 e a chi fornirla. Non si parla perciò più di obbligo generalizzato ma di soggetti fragili, ambienti particolari e discrezione del titolare. L’obbligo può essere quindi introdotto dalle singole aziende. Oltre alle mascherine è tenuto a mettere a disposizione disinfettanti visto che: “è obbligatorio che le persone presenti nel luogo di lavoro adottino tutte le precauzioni igieniche”. Il protocollo, a meno che non ci sia necessità di apportare modifiche, resterà in vigore fino al 31 ottobre.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Vincenza muore dopo il parto a Napoli, indagine della Procura

La Procura della Repubblica di Napoli ha aperto un'inchiesta dopo la morte di Vincenza Donzelli. L'operatrice culturale 43enne, fondatrice...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria