Meteo. Caldo e bel tempo, a Napoli sembra piena estate: ma da mercoledì cambia tutto

«L’estate sta finendo….», è una delle canzone più utilizzate nelle stories di Instagram. L’arrivo di settembre, il ritorno a lavoro o sui banchi di scuola. Il primo fresco. Macché, l’estate è tutt’altro che finita, almeno per quel riguarda il meteo. Un clima davvero pazzo ci regalerà una domenica da piena estate. Per gli amanti del caldo sarà anche una buon notizia, ma sul fronte climatico generale forse un po’ meno visto che le temperature assumeranno connotati ben lontani dalla normalità. Lo riporta ilMeteto.it. Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire quali saranno le regioni più calde di questa particolare terza domenica di settembre.

La configurazione generale vede una sorta di alta pressione ibrida, spiega ilMeteo.it, così possiamo definirla in quanto da una parte sarà di matrice azzorriana ma dall’altra coadiuvata da un caldo respiro di origine africano. Con questo tipo di situazione, saranno soprattutto le due Isole Maggiori e l’area del medio e basso Tirreno ad essere maggiormente esposte ai caldi aliti sub tropicali. Nelle aree interne della Sardegna ad esempio, si potranno toccare punte anche prossime ai 34-35°C. Ma le temperature saliranno ulteriormente anche sul resto del Paese e non solo a causa dei venti caldi provenienti dal nord Africa ma anche per via del buon soleggiamento che bacerà praticamente tutto il Paese, minato solo da timidi annuvolamenti pomeridiani a ridosso dei rilievi specie su quelli alpini. Insomma, una domenica davvero da piena estate con un tipo di tempo perfetto per trascorrere alcune ore all’aria aperta.

Volgendo poi lo sguardo verso prua, notiamo come questa fase calda dovrebbe durare almeno fino a martedì della prossima settimana. Anzi, proprio tra lunedì e martedì, i termometri potrebbero subire addirittura un ulteriore rialzo in attesa però di un possibile cambio di circolazione atteso in seguito da mercoledì 18 settembre quando dai vicini Balcani potrebbero cominciare a soffiare venti via via sempre più freschi. Per ulteriori dettagli in merito a questo nuovo possibile scenario, vi invitiamo a leggere qui.