E’ un racconto agghiacciante quello fatto agli inquirenti due estati fa dalla figlia di Salvatore De Magistris, picchiato a piazza Zanardelli a Secondigliano il 30 ottobre del 2004 in piena faida di Scampia. L’uomo morirà un mese dopo in ospedale. Le dichiarazioni della donna, all’epoca soltanto una ragazzina, sono state allegate all’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Tommaso Perrella ed eseguita a carico di Marco Di LauroNunzio Di Lauro e Antonio Mennetta. De Magistris non aveva alcun legame con la malavita, la sua unica ‘colpa’ quella di essere il patrigno di Biagio Esposito, uno di quelli che all’epoca avevano fatto il grande salto passando con gli Scissionisti. Nella Secondigliano del 2004 però, in certi ambienti, si moriva anche per una parentela alla lontana e così i Di Lauro, non riuscendo a trovare Biagino si accanirono su un suo familiare.

Il racconto del raid di piazza Zanardelli: la presenza di Marco Di Lauro

«Ricordo se non erro che era sabato e mi trovato a casa di mia zia, quando sentii le urla provenire dalla corte del mio fabbricato che io ricondussi a Cira Marino, fidanzata di Marco Di Lauro, da me conosciuta da sempre in quanto il nonno abitava nel mio palazzo. Voglio precisare che casa di mia zia affaccia nella corte del mio fabbricato quindi potetti ascoltare in maniera indistinta quelle urla da una voce che conoscevo perfettamente. Appena arrivata Vidi Nunzio Di Lauro e Antonio Mennetta a bordo di una motocicletta Honda Transalp, condotta da Di Lauro, ancora sotto l’arco che costituisce l’ingresso del mio fabbricato, che si stavano muovendo dirigendosi verso via del Camposanto. Nel vedermi sopraggiungere Nunzio Di Lauro mi salutò dicendo testualmente “Ciao Anto”. Appena si allontanarono mi girai verso la mia destra e vidi mio padre riverso a terra vicino al muro, in posizione scomposta e coperto di sangue». Nonostante fosse cresciuta con quei ragazzi nessuno le diede una mano come si evince nel prosieguo del racconto: «Uscita da piazza Zanardelli per

chiedere aiuto Marco Di Lauro e Peppe Prezioso la befana in moto. Notai anche Ciro Di Lauro ’o chiatt, Salvatore Barbato il pinguino e Luigi Aruta il pilotino. Nessuno di loro si avvicinò, anzi si allontanarono. Solo dopo qualche minuto Umberto La Monica chiamò un’ambulanza».

Il racconto prosegue

Nei giorni successivi le condizioni di De Magistris peggiorano ma la figlia nota qualcos’altro: «Nei giorni successivi, quando feci visita a mio padre all’interno della rianimazione nel pulirgli le gambe notai lungo le gambe chiari segni di pneumatico, compatibili con quelli dl una moto. Discutendo sull’evento. mia madre mi disse che poco prima dell’aggressione, mentre mio padre la stava accompagnando dalla cugina nel terzo mondo, avevano notato che (omissis) unitamente ad un altro sorretto. li stavano pedinando a bordo di una moto».

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.