Nuove restrizione in arrivo, la bozza dell’ultimo Decreto che il Governo sta discutendo in Consiglio dei Ministri. Già stamattina il ministro Roberto Speranza è intervenuto al Senato in merito alle nuove misure restrittive anti-covid e del nuovo dpcm. Il titolare del dicastero della Salute ha dichiarato in aula: “Siamo vicini a vincere la battaglia contro il virus: adesso serve un sforzo unitario a Roma. I mesi che verranno saranno difficilissimi tra il possibile ritorno del covid e la grande campagna di vaccinazione. Sarà tutto terribilmente complicato: dobbiamo ringraziare i medici e noi non possiamo distrarci. Il covid ha i mesi contati e grazie i vaccini lo sconfiggeremo. La nottata non è ancora passata. Dovremo ancora convivere con il virus finché le vaccinazioni non avranno avuto l’impatto epidemiologico“.

LA BOZZA DEL DECRETO

 IL MINISTRO SPERANZA

I prossimi mesi saranno difficili. I nostri scienziati stanno approfondendo la variante inglese. Gli ultimi dati sono chiari, infatti, questa settimana c’è un peggioramento. Rt superiore a 1 quindi l’epidemia è in espansione, incidenza del virus e nuovi casi, focolai e occupazione sopra la sogna critica delle terapie intensive. Perciò il Governo vuole prorogare fino al 30 aprile lo stato di emergenza“, dichiara Speranza nel discorso al Senato. Prorogare lo stato d’emergenza fino al 31 luglio. Sarebbe questa, secondo quanto si apprende, l’indicazione che il Comitato tecnico scientifico ha dato al governo in vista del nuovo Dpcm.

IL NUOVO DPCM

Lunedì dopo il confronto con le Regioni abbiamo avviato la stesura del dcpm. Saranno confermate le 3 fasce differenziate, confermati i divieti di spostamenti tra Regioni, riduzione degli assembramenti davanti ai locali pubblico con lo stop alle 18 dell’asporto, visite in casa permesse per un  massimo due persone. Vogliamo istituire l’area bianca dove le limitazioni saranno relative all’utilizzo delle mascherine. E’ intenzione del governo riaprire i musei nelle regioni in area gialla.“, continua Speranza.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK. 

Pubblicità