Nave da crociera alla deriva, paura per 1300 passeggeri

Non è dato sapere se poteva accadere un nuovo caso “Costa Concordia”, ma la notizia fa rabbrividire comunque, ed è immaginabile lo stato d’animo di chi sta vivendo, almeno per qualche momento, qualcosa di analogo a quanto accadde all’Isola del Giglio il 13 gennaio di sette anni fa. Questa volta, però è accaduto al largo della Norvegia, quando i motori della Viking Sky, la meganave da crociera varata da Fincantieri due anni fa, si sarebbero improvvisamente spenti, mentre la nave era nel pieno della navigazione in mezzo a forti venti con raffiche a 70 km/h e a una violenta grandinata nelle acque di Hustadvika. Così il comandante del colosso del mare, in balìa delle onde e delle correnti, è stato costretto a dare il via alle operazioni di evacuazione dei 1.300 passeggeri.