10.8 C
Napoli
mercoledì, Febbraio 21, 2024
PUBBLICITÀ

Nuovi alloggi a Chiaiano, c’è la data di consegna delle prime 60 abitazioni

PUBBLICITÀ

Nuovi case in località Cupa Spinelli a Chiaiano: entro dicembre 2023 dovranno concludersi i lavori di realizzazione e consentire l’ingresso degli assegnatari dei primi nuovi 60 alloggi. La conferma della road map arriva all’esito della riunione di commissione comunale Urbanistica riunitasi stamattina.

Il progetto e le peripezie

La zona di Chiaiano in questione è quella attorno a via Ansaldo e appunto via Cupa Spinelli. Costruiti con la legge di edilizia popolare 25/80, gli edifici da tempo attendono lavori di riammodernamento a causa dell’usura del tempo e della scarse manutenzione. In passato InterNapoli.it descrisse il degrado di quei luoghi.

PUBBLICITÀ

Il programma per l’edilizia sostitutiva siglato nel 2006 tra Regione Campania e Comune, prevede due lotti da 126 abitazioni in tutto. Al primo, da 60 alloggi, se ne aggiunge un secondo da 66 che sorgerà al posto dei vecchi palazzi destinati ad essere abbattere. Nel corso degli anni, però, il percorso verso il futuro per via Ansaldo e Cupa Spinelli si è arenato più volte a causa di cambi e fallimenti delle ditte appaltatrici. Conseguenza? Lavori bloccati e lunghe attese dei residenti, che agognano un alloggio dignitoso.

Grazie soprattutto ai finanziamenti da circa 7 milioni di euro del Pon Metro 2014-2020 reperiti, il piano è riuscito a riprendere vigore facendo ripartire il cantiere negli ultimi tempi.

L’aumento dei costi dei materiali come zavorra

Una buona notizia, vista anche la speditezza attuale del cantiere, che però ha un retrogusto amaro. Come ricordato in commissione Urbanistica, la difficoltà attuale è legata all’ aumento dei prezzi dei materiali. La congiuntura economica del momento dovuta alla situazione internazionale – con il conflitto in Ucraina e le conseguenze della pandemia che spiccano su tutto – ha reso più caro l’acquisto di laterizi, forniture, ponteggi.

C’è anche una cifra più o meno certa che sintetizza il surplus a cui far fronte per non incappare di nuovi nel pericolo dello stop ai lavori: 2 milioni di euro circa, con un aumento dunque del 30% rispetto ai 7 milioni circa originari per il lotto Uno. Dove reperire questi fondi, non è ancora chiaro. Ma la variabile va affrontata, per non sciupare l’occasione. Dal Comune di Napoli si pongono l’obiettivo di ovviare a tale difficoltà entro la primavera del 2023 e poi procedere con l’ultima parte degli interventi.

L’avvertimento dei consiglieri

Per evitare nuovi intoppi e soprattutto per prevenire fenomeni di occupazioni abusive, avverte il consigliere di Napoli Solidale Rosario Andreozzi, tra i più presenti sulla faccenda, «bisogna immediatamente aprire un tavolo tecnico su censimento, volture, mobilità e assegnazione degli alloggi agli inquilini. Non dobbiamo farci trovare impreparati quando gli edifici saranno pronti, sarebbe un peccato data la bontà del progetto. Ogni perdita di tempo, può creare le condizioni per occupazioni illegittime come capitato in passato altrove».

Sul territorio tra Chiaiano e Marianella, «fenomeni del genere sono già accaduti altrove sul» sottolinea il consigliere comunale di Cambiamo, Rosario Palumbo.

Il secondo lotto

Terminati i lavori per le prime 60 assegnazioni, il progetto prevede la costruzione di ulteriori 66 case. I palazzi sorgeranno sulle macerie dei vecchi edifici da abbattere con l’inizio delle operazioni previste tra la fine del 2023 e l’inizio del 2024. Sarà un altro momento per rispondere alle esigenze abitative di famiglie che per decenni hanno fatto i conti con palazzi pieni di amianto, tubature rotte e fuori uso, esposizione all’amianto.

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Antonio Sabbatino
Antonio Sabbatino
Iscritto all'Albo dei pubblicisti dall'ottobre 2012, ho sviluppato nel corso degli anni diverse competenze frutto dell’esperienza sul campo in ambito politico, sociale e di cronaca, sia bianca che nera. Sono stato conduttore radiofonico di programmi musicali presso Radioattiva, radio web napoletana e redattore e collaboratore di diverse testate online. Attualmente sono inviato per il quotidiano Roma, il più antico giornale napoletano, di InterNapoli.it che rappresenta una delle realtà più dinamiche del panorama giornalistico napoletano, campano, la neonata testata Tell che approfondisce i grandi temi politico-sociali a più livelli e Comunicare il Sociale rivista specializzata di Terzo Settore.
PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Il ruolo di hostess e promoter ad eventi e fiere

Per rappresentare efficacemente un brand, anche di una piccola azienda, nel corso di un evento promozionale, di una fiera...

Nella stessa categoria